Birdhouses

Ho sempre desiderato mettere in giardino una casetta e una piccola mangiatoia per gli uccellini per i freddi mesi invernali, ma non ne avevo mai viste in giro che mi piacessero davvero. Non che avessi provato seriamente a cercarle in effetti, ma solo perché già sapevo che non sarebbe stato facile trovare proprio quello che volevo. Ho chiesto in diverse occasioni in negozi e mercatini, e ho anche curiosato in alcuni siti web dove sono in vendita prodotti di artigianato di svariato genere, ma sempre senza fortuna.
Bene, mi sono detta ad un certo punto, vorrà dire che chi fa da sé fa per tre.
Sapevo di avere qui una libreria virtuale praticamente infinita a mia disposizione, e ci ho trovato questo.
E soprattutto sapevo di avere un marito con le mani magiche, lo spirito creativo e un debole per gli uccellini (oltre ad essere totalmente incapace di dirmi di no…).
Così ho messo insieme le due cose, ci ho soffiato su un po’ del mio entusiasmo, ho aspettato quel minimo di tempo tecnico necessario, et voilà, la magia era fatta.

Perché di magia si tratta, ai miei occhi. Vera e propria. Non che dubitassi delle sue capacità, so benissimo che è un uomo dall’intelligenza fuori dal comune e un perfezionista in ogni cosa che si mette a fare, ma stavolta mi ha lasciata veramente senza parole.


Dopo tutto lui si occupa di tutt’altro, e anche se sa aggiustare qualunque cosa, costruire da zero è un lavoro molto diverso. Sapevo bene che avevo scelto un progetto complicato e non pretendevo certo una riproduzione esatta, mi bastava una versione semplificata di questi modelli tradizionali, tanto per avere qualcosa fatta da lui da tenere in giardino e ammirare con occhi luccicanti, come tutte quelle cose speciali che neppure se hai una collezione di Mastercard te le puoi comprare…
E invece lui è arrivato con queste.





Bellissime. Perfette in ogni dettaglio. Precise e rifinite al millimetro, sia nel design che nei colori. Spettacolari.

In fondo, non mi stupisce più di tanto questo risultato, so che quando fa una cosa la fa sempre al meglio. Si mette lì tutto concentrato nel suo silenzio, con i suoi gesti misurati e precisi, affascinanti, mai sguaiati o superflui, una luce più viva negli occhi, che ridono di sfuggita se si accorge che lo sto osservando, e alla fine pare quasi che la magia si compia da sé. Invece no. E’ lui che è magico, glielo dico sempre io. Potrei stare a guardarlo per ore mentre le sue mani creano piccoli capolavori come questi.

Un altro mio sogno è realizzato. L’ennesimo. Solo grazie a lui.
Adesso non ci resta che spiare dalla finestra per vedere se succede qualcosa, nell’attesa che gli uccellini del giardino si accorgano della novità e si godano al massimo queste piccole meraviglie.

6 Comments

  1. Ciao Sally, tuo marito ha fatto un lavoro spettacolare, è bravissimo e le casette sono venute veramente uno spettacolo. Anche io pensavo di metterne una fuori nel balcone della cucina, infatti, ho pubblicato un post per avere consigli su che genere di casetta scegliere,nonostante abbia postato casette fatte da artigiani del mestiere, ti assicuro che quelle di tuo marito non hanno nulla da invidiare. Ancora complimenti!
    Per curiosità questo è il post:

    http://atuttotondi.blogspot.com/2010/09/che-genere-di-casetta-scegliere-per.html
    A presto,

    Heidi

  2. Ciao Simona! Che bello trovarti qui !!! :o))
    Grazie mille dei complimenti, li ho girati subito all’interessato che si schernisce ma apprezza commosso. :o)
    Sarà che io sono di parte, ma a me queste casine sembrano davvero bellissime…. ;o)))

    Avevo visto il tuo post, le foto scelte sono molto carine.
    Una simile a quella con il gatto a bocca aperta c’era anche sul nostro libro, è simpatica. :oD

    Se fossi un uccellino credo che mi piacerebbe vivere nella n°2.
    Anche la n°7 è bella, ma la scelta dipende da che uccelllini intendi ospitare.
    Ogni specie vuole un certo spazio a disposizione, un certo tipo di apertura e dimensioni specifiche per fare il nido.
    Per il feeder invece non ci sono problemi, basta che sia al riparo dai gatti… :o))

    Grazie della visita e a presto!
    Un abbraccio,
    Sally

  3. Ciao knittingbear..! :o)
    Grazie molte dei complimenti, sono davvero graditi!

    Una tana per orsi…???! Wow… ci si potrebbe provare!
    Lui è così ingegnoso che come minimo ci riesce….! :o)

    Naturalmente bisognerà prevedere un angolo dove sistemare i vari gomitoli, ferri, schemi & C….
    E uno per il cestino della merenda! :o)

    Grazie tante della visita, e a presto!
    Sally

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *