Lunedì 30 dicembre 2013: Nördlingen e Rothenburg ob der Tauber

La colazione non è inclusa nel nostro soggiorno all’hotel NH Klösterle, così usciamo prima del solito per fare un giro del paese, che conta meno di 20.000 abitanti ed è situato lungo la Romantische Strasse bavarese. Tutte le case sono a graticcio, con il tetto a punta e belle decorazioni sui portoni, sembra proprio un paesino da fiaba. Quando nevica, qui, dev’essere uno spettacolo.

Baviera_30_01

Arriviamo fino alla torre Daniel, un bellissimo campanile che si innalza a fianco della chiesa, e decidiamo di seguire il consiglio della LP e salire su per godere del panorama di questo borgo dall’alto, e per riconoscere meglio anche la sua principale caratteristica, che è quella che lo rende unico.

Baviera_30_02

Nördlingen infatti, la cui pianta è perfettamente rotonda, è stato costruito nel cratere del diametro di una ventina di chilometri lasciato sul terreno da un enorme meteorite precipitato sulla terra 15 milioni di anni fa. Gli scienziati hanno ormai definitivamente escluso che possa trattarsi del cratere di un vulcano, dimostrando che siamo veramente di fronte alla traccia di un antichissimo meteorite. Questo fatto lo rende un posto particolarmente interessante dal punto di vista geologico, tanto che perfino gli astronauti americani che andarono sulla Luna con le missioni Apollo vennero qua, durante gli anni ‘60, per un periodo di studio e di preparazione. Oggi si può visitare, in quello che era un vecchio granaio, un museo di geologia dove sono mostrate nei dettagli le particolari caratteristiche delle rocce di quest’area, e dove è esposto un frammento di vera roccia lunare raccolto dagli astronauti dell’Apollo 16 e donato alla città come ringraziamento per l’ospitalità durante gli addestramenti. La porta d’ingresso della torre è aperta ma non c’è nessuno, solo l’indicazione della tariffa di 3,00€ a persona per la visita. Proviamo a entrare.

Baviera_30_03

Cominciamo a salire lungo la stretta scala a chiocciola, e poco dopo avverto i segni della fatica avvinghiarmisi alle gambe, mentre Luca, come al solito, sale su come se niente fosse. L’ambiente è bellissimo, tutto in pietra con finestre a bifore e trifore, c’è perfino un albero di Natale su uno dei ballatoi, ma non c’è nessuno, non si sente alcun suono intorno a noi.

Baviera_30_04

Dopo un po’ ci fermiamo a riprendere fiato, e un cartello sul muro ci informa che non siamo neppure a metà dei 350 gradini previsti. Mi prende un principio di sconforto, non tanto per il resto degli scalini ancora da fare, quanto piuttosto per la possibilità che arriviamo in cima solo per scoprire che è chiuso…!

Baviera_30_05

Nella seconda parte della salita l’atmosfera si fa diversa, e l’ambiente cambia anche visivamente. Finisce la scala a chiocciola di pietra e comincia una serie di rampe di legno, molto belle e molto strette, ma non pericolose. Siamo ancora soli lungo la scala, e non si vede nessuno fino in cima, a oltre 70 metri di altezza. L’ultima piccola rampa finisce contro una porticina di legno bassa con una carrucola di corda e una campanella collegata alla maniglia. Abbassandola per aprire si tira il filo, e la campanella suona. Proviamo, e pochi istanti dopo, quasi miracolosamente, un omino esce da una stanzetta nascosta e ci viene incontro, facendoci entrare nella biglietteria vera e propria. Meno male! Non siamo saliti invano lungo tutte quelle rampe.

Baviera_30_06

Il guardiano ci accoglie molto gentilmente, ci fa il biglietto e ci fornisce un opuscolo informativo sulla torre Daniel e sulla storia della città di Nördlingen. È un signore simpatico e molto mite, semplice. Da l’impressione di vivere tutto solo arroccato in cima al campanile senza scendere mai giù, e che aspetti che siano gli altri a salire da lui.

Baviera_30_07

Facciamo gli ultimi 18 gradini autorizzati dal nostro biglietto, e arriviamo al piccolo varco di legno che porta sulla terrazza panoramica.

Baviera_30_08

La terrazza è in realtà una specie di strapuntino che gira tutto intorno alla torre, con un pavimento di grata metallica larga si e no mezzo metro che farebbe venire le vertigini anche a un astronauta e un parapetto di pietra alto poco più di un metro, ma il panorama che si gode da quassù è veramente spaziale.

Baviera_30_09

Dall’alto, nella luce piena del sole e del cielo finalmente limpido, si vede tutto il paese con i suoi tetti rossi a punta, le stradine, la chiesa, la piazza del mercatino di Natale, il municipio, ma soprattutto si vedono le mura di cinta, che girano tutto intorno al paese circondandolo come un abbraccio totale, a formare un cerchio perfetto dentro al quale si sviluppa la vita di questo antico villaggio. È davvero una vista incantevole.

Baviera_30_10

Facciamo un po’ di foto dello spettacolare panorama godendoci l’aria fredda e lucida che illumina la piana bavarese distesa tutto intorno, poi salutiamo l’omino e torniamo verso le scale, mentre altri coraggiosi visitatori si stanno avventurando fin quassù ansimanti e lenti.

Baviera_30_11

Ripercorriamo al contrario la lunga scala ritrovando i pianerottoli pieni di atmosfera e le bellissime finestre in pietra, e prima di uscire riusciamo a vedere anche la campana che suona i rintocchi delle ore per gli abitanti del villaggio, ancora oggi come un secolo fa.

Baviera_30_12

Proprio davanti all’ingresso della torre Daniel scopriamo una magnifica pasticceria, e noi non abbiamo ancora fatto colazione…. Entriamo con l’idea di prendere solo una pastarella, e invece poi ci sediamo e ci regaliamo un breakfast completo di croissant, pane burro e marmellata e cappuccino, tutto molto buono e niente affatto caro. Ci voleva proprio!

Baviera_30_13

Dopo colazione torniamo alla macchina e ripartiamo in direzione nord, verso Rothenburg ob der Tauber. Sognavo da tanto di vedere questo posto, conosciuto come il paese dove è Natale tutto l’anno. Qui c’è addirittura il museo del Natale, e poi c’è Käthe Wolfhart, uno dei negozi di addobbi e decorazioni natalizie più famoso della Germania. Figurarsi se me lo potevo perdere. Ci arriviamo in circa un’ora, e lasciamo la macchina fuori dalla cinta muraria per andare a vedere dove si trova il nostro hotel di stasera. Che è una Gasthaus in realtà, e che Gasthaus! La più famosa e caratteristica di tutto il paese. La troviamo poco dopo, in una traversa della via principale, ed è bellissima! Una casetta tradizionale in pietra con la facciata ricoperta di piante, decorata con oggetti natalizi in legno e ferro battuto in stile rustico, davvero originalissima.

Baviera_30_14

Entriamo, e l’interno è ancora più spettacolare dell’esterno. C’è un pianoforte verticale, sedili di legno scolpiti stile coro di chiesa, un tavolo decorato di lucine e renne, fiori e ghirlande, ci sono cuscini ricamati e animali sparsi in giro, vasi con piante e babbi natali, tappeti e portacandele, bottiglie di champagne e lanterne…. un bric-a-brac fantastico, che crea la più incredibile atmosfera natalizia da cui si possa essere accolti durante un viaggio.

Baviera_30_15Baviera_30_16

Non c’è nessuno, ma su una lavagnetta c’è un numero di cellulare da chiamare per fare il check-in, così chiamo e lascio un messaggio. Dopo 5 minuti Paul mi richiama dicendo che arriverà entro 10 minuti per darci la stanza, e infatti è così. La camera numero 4 al secondo piano è davvero bella, c’è un letto di legno scolpito con le sponde in stile tirolese uguale all’armadio, un tavolino con due poltroncine, tv, lampadario e lampade sui comodini vestiti di tessuto abbinato, e un bagno grande e nuovissimo. La finestra ha le tendine fiorite e sul soffitto passano travi a vista che rendono l’atmosfera veramente romantica. Sistemiamo le nostre cose e usciamo di nuovo, alla scoperta del centro storico. Che è assolutamente all’altezza delle nostre aspettative.

Baviera_30_17

Tutte le case sono a graticcio, e decorate con addobbi natalizi e luci. La piazza del mercato, la principale, è uno spazio ampio su cui si affacciano bellissimi edifici storici, il più imponente e interessante dei quali è la Rathaus, con la sua architettura per metà classica e per metà gotica, completa di torri e guglie.

Baviera_30_18

La chiesa principale del paese è quella di San Jakob, una chiesa Evangelista-Luterana costruita in stile tardo gotico situata nei pressi della piazza del mercato. Di fronte all’ingresso incontriamo con piacere una statua in bronzo di San Giacomo, l’Apostolo pellegrino con tanto di conchiglia, poiché anche questa chiesa è una delle innumerevoli tappe europee del Cammino di Santiago di Compostela. Questa statua è semplice, ma basta a richiamare i ricordi del nostro viaggio spagnolo fino al bordo occidentale del continente, e delle emozioni vissute in quella meravigliosa cattedrale dalla facciata del colore dei fondali marini.

Baviera_30_19

L’entrata nella chiesa è a pagamento, ma la visita vale certo i 2,00€ richiesti. La navata è ampia, le volte sono altissime, ma è soprattutto l’altare principale in legno scolpito di Friedrich Herlin ad attirare l’attenzione, un vero gioiello di alta manifattura tedesca raffigurante l’Ultima Cena, nella quale il Giuda, seduto tradizionalmente dal lato opposto del tavolo rispetto agli altri apostoli, è una figura mobile che viene rimossa dalla scena nel periodo della Pasqua.

Baviera_30_20

Sul lato sinistro della navata centrale, di fianco alle panche di fondo, ci sorprende la presenza di una straordinaria scultura in legno d’ebano, scura e lucida, elegantissima, in perfetto stile africano, testimonianza della collaborazione di questa parrocchia con alcune missioni in Tanzania. In quella che somiglia a una sorta di imbarcazione primordiale sono rappresentati i 12 apostoli, con fattezze e tratti africani, in adorazione della Sacra Famiglia: un Giuseppe umile dallo sguardo rivolto verso il basso, una Maria essenziale, seduta con gli occhi chini su suo figlio, e un Bambino addormentato sulle ginocchia della madre, più innocente di chiunque altro al mondo. Mai ho visto tanta dignità e umiltà in una Sacra Famiglia, mai il Padre e la Madre mi sono parsi così immediatamente i genitori dell’Umanità china ai loro piedi rappresentata dagli Apostoli, uomini fatta quasi solo di occhi e sguardi, che li cercano come l’unica luce nel buio del mistero dell’esistenza.

Baviera_30_21

Ma il vero pezzo forte di questa chiesa si trova al piano superiore, in un grande spazio luminoso proprio dietro l’enorme organo, che è uno dei più grandi d’Europa. Qui è esposto l’Altare del Preziosissimo Sangue, uno straordinario altare in legno di tiglio scolpito dall’artista locale Tilman Riemenschneider ai primi del ‘500, che all’interno della Croce dorata racchiude una capsula di cristallo di rocca che contiene tre gocce del sangue di Cristo. Un’opera spettacolare e raffinatissima, con pannelli di legno incredibilmente cesellati nei quali figurano decine di statue ognuna con un volto, un’espressione, un’emozione, una posa, e in cui uno degli Apostoli, Paolo, indossa addirittura gli occhiali. Un vero capolavoro di scultura risalente a oltre 500 anni fa.

Baviera_30_22
Baviera_30_23

Dopo la visita alla chiesa giriamo ancora per le vie del paese e troviamo finalmente il negozio di Käthe Wohlfahrt, attaccato al Museo del Natale, con la sua insegna decorata di ghirlande rosse e luci, un gigantesco principe schiaccianoci sulla porta e il furgoncino dei doni parcheggiato fuori e pronto alla partenza: una vera meraviglia.

Baviera_30_24

Avevamo visto anche altri negozi di Natale, a Vienna, a Salisburgo, a Innsbruck, a Dublino, a Edimburgo… ma questo veramente li batte tutti. Non solo per la sua dimensione – enorme! – ma per l’atmosfera che c’è dentro, per le migliaia e migliaia di decorazioni di ogni genere esposte ai vari piani del locale in mobiletti di legno stile casa di Santa Claus, le bambole, i pupazzi, gli orsacchiotti, le slitte, i centrini, i calendari dell’Avvento, e le decine di alberi di Natale completamente addobbati di ninnoli di ogni tipo, da quelli super luccicanti a quelli di stoffa, da quelli più tipicamente tirolesi di paglia e rafia a quelli di latta dorata, e di vetro, di metallo, di legno, di piume… roba da far girare la testa a un appassionato del genere.

Baviera_30_25
Baviera_30_26

Troppe sono le cose viste e adorate in questo negozio, che in meno di due ore scala la classifica fino a diventare il mio preferito di sempre. Vorrei poter portare via di tutto… Ovviamente, la nota dolente di questi posti è che i prezzi non sono mai bassi, specialmente degli oggetti più belli, quindi ci dobbiamo limitare, però un piccolo cestino lo facciamo anche noi, da portare a casa come ricordo di questo luogo magico.

Baviera_30_27

Non lontano da Käthe Wohlfahrt c’è un altro negozio magnifico, quello degli orsetti originali Steiff, ed entriamo a fare un giro per ammirare dal vivo queste creature deliziose. Purtroppo, questa volta possiamo davvero solo guardare, non osiamo neppure sfiorare questi capolavori artigianali di peluche dagli occhi lucidi e dai musetti irresistibili che costano quanto piccoli gioielli, ma è comunque piacevole scoprire quante versioni e quanti modelli ne fanno.

Baviera_30_28

Un regalino ce lo facciamo, comunque. Vediamo delle casette di porcellana in un negozietto lungo la via centrale del paese, casette che in realtà sono lanterne per candele. Il negozio si chiama Leyk ed è una vera chicca nel suo genere. Le casette sono di ceramica dipinta a mano, prodotte in un laboratorio artigianale poco fuori Rothenburg e vendute solo in tre o quattro negozi in Germania, e riproducono gli edifici più famosi del centro storico, come la chiesa, il municipio, il forno, le case a graticcio a più piani e tutto quello che è tipico di questo paesino.

Baviera_30_29

Sono bellissime, con le finestrelle aperte attraverso le quali passa la luce morbida della candela, e a farne un gruppetto stile piccolo villaggio si ottiene un effetto davvero magico. Questo è il tipo di oggetto a cui non so proprio resistere, così ne prendiamo una, tanto per cominciare quella che spero potrà un giorno diventare una piccola collezione.

Baviera_30_30

Passeggiare per il paese con questa atmosfera è davvero come passeggiare in un luogo fatato. Le vetrine cariche di oggetti sembrano cornucopie natalizie traboccanti di colori e sapori: pagnotte di pane, dolciumi, ninnoli, cioccolato, pizzi, merletti, stelle, pupazzetti, boccali di birra dipinti in stile bavarese, davvero una gioia per gli occhi.

Baviera_30_31Baviera_30_32

Il centro storico di sera risplende di tutta la sua bellezza, con le torri, le mura, gli edifici più antichi con i dettagli dei graticci illuminati, la fontana, e quell’atmosfera incantata che capita di sperimentare solo in quei luoghi che riescono magicamente a ritagliarsi uno spazio fuori dal tempo. Non c’era neve qui oggi, ma so che nei miei ricordi questo posto sarà sempre ricoperto da una soffice coltre candida.

Baviera_30_33

Dopo la passeggiata in centro rientriamo alla nostra Gasthaus, giusto in tempo per la cena. La sala è bella come il resto, con un fuoco scoppiettante che danza nel caminetto, le candele bianche accese sui tavoli e pochissima luce elettrica. Tutto l’arredo è di legno, caldo e intimo, il cibo è ottimo e presentato in maniera degna del posto. Il modo perfetto per concludere una delle giornate più piacevoli del nostro giro in Baviera.

Baviera_30_34

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *