Info



Categorie

Clara

"Non è vero che il mondo è piccolo. Non è neppure vero che è un 'villaggio globale', come pretendono i mass media. Il mondo è grande e diverso. Per questo è bello: perché è grande e diverso, ed è impossibile conoscerlo tutto." Antonio Tabucchi

“Yesterday is History. Tomorrow is a Mystery. But today is a gift. That is why it is called the "Present." Master Oogway

“Se i tempi non richiedono la tua parte migliore, inventa altri tempi.” Baolian, libro II

“O guardi o giochi”. Gould

“Ma così è la vita: se incontri un essere umano nella folla, seguilo... seguilo.” Benjanim Malaussène

“Non voglio nessuno, sulla mia lancia, che non abbia paura della Balena”. Achab

I never blame failure -- there are too many complicated situations in life -- but I am absolutely merciless toward lack of effort. F. Scott Fitzgerald

Stay hungry, stay foolish. Steve Jobs

Archivi

Tag Cloud

Free Tibet

Io sono MiaSally su

Lunedì 30: Nördlingen e Rothenburg ob der Tauber

16 febbraio, 2014 - in: Viaggi - Commenti: nessuno

La colazione non è inclusa nel nostro soggiorno all’hotel NH Klösterle, così usciamo prima del solito per fare un giro del paese, che conta meno di 20.000 abitanti ed è situato lungo la Romantische Strasse bavarese. Tutte le case sono a graticcio, con il tetto a punta e belle decorazioni sui portoni, sembra proprio un paesino da fiaba. Quando nevica, qui, dev’essere uno spettacolo.

Baviera_30_01

Arriviamo fino alla torre Daniel, un bellissimo campanile che si innalza a fianco della chiesa, e decidiamo di seguire il consiglio della LP e salire su per godere del panorama di questo borgo dall’alto, e per riconoscere meglio anche la sua principale caratteristica, che è quella che lo rende unico.

Baviera_30_02

Nördlingen infatti, la cui pianta è perfettamente rotonda, è stato costruito nel cratere del diametro di una ventina di chilometri lasciato sul terreno da un enorme meteorite precipitato sulla terra 15 milioni di anni fa. Gli scienziati hanno ormai definitivamente escluso che possa trattarsi del cratere di un vulcano, dimostrando che siamo veramente di fronte alla traccia di un antichissimo meteorite. Questo fatto lo rende un posto particolarmente interessante dal punto di vista geologico, tanto che perfino gli astronauti americani che andarono sulla Luna con le missioni Apollo vennero qua, durante gli anni ‘60, per un periodo di studio e di preparazione. Oggi si può visitare, in quello che era un vecchio granaio, un museo di geologia dove sono mostrate nei dettagli le particolari caratteristiche delle rocce di quest’area, e dove è esposto un frammento di vera roccia lunare raccolto dagli astronauti dell’Apollo 16 e donato alla città come ringraziamento per l’ospitalità durante gli addestramenti. La porta d’ingresso della torre è aperta ma non c’è nessuno, solo l’indicazione della tariffa di 3,00€ a persona per la visita. Proviamo a entrare.

Baviera_30_03

Cominciamo a salire lungo la stretta scala a chiocciola, e poco dopo avverto i segni della fatica avvinghiarmisi alle gambe, mentre Luca, come al solito, sale su come se niente fosse. L’ambiente è bellissimo, tutto in pietra con finestre a bifore e trifore, c’è perfino un albero di Natale su uno dei ballatoi, ma non c’è nessuno, non si sente alcun suono intorno a noi.

Baviera_30_04

Dopo un po’ ci fermiamo a riprendere fiato, e un cartello sul muro ci informa che non siamo neppure a metà dei 350 gradini previsti. Mi prende un principio di sconforto, non tanto per il resto degli scalini ancora da fare, quanto piuttosto per la possibilità che arriviamo in cima solo per scoprire che è chiuso…!

Baviera_30_05

Nella seconda parte della salita l’atmosfera si fa diversa, e l’ambiente cambia anche visivamente. Finisce la scala a chiocciola di pietra e comincia una serie di rampe di legno, molto belle e molto strette, ma non pericolose. Siamo ancora soli lungo la scala, e non si vede nessuno fino in cima, a oltre 70 metri di altezza. L’ultima piccola rampa finisce contro una porticina di legno bassa con una carrucola di corda e una campanella collegata alla maniglia. Abbassandola per aprire si tira il filo, e la campanella suona. Proviamo, e pochi istanti dopo, quasi miracolosamente, un omino esce da una stanzetta nascosta e ci viene incontro, facendoci entrare nella biglietteria vera e propria. Meno male! Non siamo saliti invano lungo tutte quelle rampe.

Baviera_30_06

Il guardiano ci accoglie molto gentilmente, ci fa il biglietto e ci fornisce un opuscolo informativo sulla torre Daniel e sulla storia della città di Nördlingen. È un signore simpatico e molto mite, semplice. Da l’impressione di vivere tutto solo arroccato in cima al campanile senza scendere mai giù, e che aspetti che siano gli altri a salire da lui.

Baviera_30_07

Facciamo gli ultimi 18 gradini autorizzati dal nostro biglietto, e arriviamo al piccolo varco di legno che porta sulla terrazza panoramica.

Baviera_30_08

La terrazza è in realtà una specie di strapuntino che gira tutto intorno alla torre, con un pavimento di grata metallica larga si e no mezzo metro che farebbe venire le vertigini anche a un astronauta e un parapetto di pietra alto poco più di un metro, ma il panorama che si gode da quassù è veramente spaziale.

Baviera_30_09

Dall’alto, nella luce piena del sole e del cielo finalmente limpido, si vede tutto il paese con i suoi tetti rossi a punta, le stradine, la chiesa, la piazza del mercatino di Natale, il municipio, ma soprattutto si vedono le mura di cinta, che girano tutto intorno al paese circondandolo come un abbraccio totale, a formare un cerchio perfetto dentro al quale si sviluppa la vita di questo antico villaggio. È davvero una vista incantevole.

Baviera_30_10

Facciamo un po’ di foto dello spettacolare panorama godendoci l’aria fredda e lucida che illumina la piana bavarese distesa tutto intorno, poi salutiamo l’omino e torniamo verso le scale, mentre altri coraggiosi visitatori si stanno avventurando fin quassù ansimanti e lenti.

Baviera_30_11

Ripercorriamo al contrario la lunga scala ritrovando i pianerottoli pieni di atmosfera e le bellissime finestre in pietra, e prima di uscire riusciamo a vedere anche la campana che suona i rintocchi delle ore per gli abitanti del villaggio, ancora oggi come un secolo fa.

Baviera_30_12

Proprio davanti all’ingresso della torre Daniel scopriamo una magnifica pasticceria, e noi non abbiamo ancora fatto colazione…. Entriamo con l’idea di prendere solo una pastarella, e invece poi ci sediamo e ci regaliamo un breakfast completo di croissant, pane burro e marmellata e cappuccino, tutto molto buono e niente affatto caro. Ci voleva proprio!

Baviera_30_13

Dopo colazione torniamo alla macchina e ripartiamo in direzione nord, verso Rothenburg ob der Tauber. Sognavo da tanto di vedere questo posto, conosciuto come il paese dove è Natale tutto l’anno. Qui c’è addirittura il museo del Natale, e poi c’è Käthe Wolfhart, uno dei negozi di addobbi e decorazioni natalizie più famoso della Germania. Figurarsi se me lo potevo perdere. Ci arriviamo in circa un’ora, e lasciamo la macchina fuori dalla cinta muraria per andare a vedere dove si trova il nostro hotel di stasera. Che è una Gasthaus in realtà, e che Gasthaus! La più famosa e caratteristica di tutto il paese. La troviamo poco dopo, in una traversa della via principale, ed è bellissima! Una casetta tradizionale in pietra con la facciata ricoperta di piante, decorata con oggetti natalizi in legno e ferro battuto in stile rustico, davvero originalissima.

Baviera_30_14

Entriamo, e l’interno è ancora più spettacolare dell’esterno. C’è un pianoforte verticale, sedili di legno scolpiti stile coro di chiesa, un tavolo decorato di lucine e renne, fiori e ghirlande, ci sono cuscini ricamati e animali sparsi in giro, vasi con piante e babbi natali, tappeti e portacandele, bottiglie di champagne e lanterne…. un bric-a-brac fantastico, che crea la più incredibile atmosfera natalizia da cui si possa essere accolti durante un viaggio.

Baviera_30_15
Baviera_30_16

Non c’è nessuno, ma su una lavagnetta c’è un numero di cellulare da chiamare per fare il check-in, così chiamo e lascio un messaggio. Dopo 5 minuti Paul mi richiama dicendo che arriverà entro 10 minuti per darci la stanza, e infatti è così. La camera numero 4 al secondo piano è davvero bella, c’è un letto di legno scolpito con le sponde in stile tirolese uguale all’armadio, un tavolino con due poltroncine, tv, lampadario e lampade sui comodini vestiti di tessuto abbinato, e un bagno grande e nuovissimo. La finestra ha le tendine fiorite e sul soffitto passano travi a vista che rendono l’atmosfera veramente romantica. Sistemiamo le nostre cose e usciamo di nuovo, alla scoperta del centro storico. Che è assolutamente all’altezza delle nostre aspettative.

Baviera_30_17

Tutte le case sono a graticcio, e decorate con addobbi natalizi e luci. La piazza del mercato, la principale, è uno spazio ampio su cui si affacciano bellissimi edifici storici, il più imponente e interessante dei quali è la Rathaus, con la sua architettura per metà classica e per metà gotica, completa di torri e guglie.

Baviera_30_18

La chiesa principale del paese è quella di San Jakob, una chiesa Evangelista-Luterana costruita in stile tardo gotico situata nei pressi della piazza del mercato. Di fronte all’ingresso incontriamo con piacere una statua in bronzo di San Giacomo, l’Apostolo pellegrino con tanto di conchiglia, poiché anche questa chiesa è una delle innumerevoli tappe europee del Cammino di Santiago di Compostela. Questa statua è semplice, ma basta a richiamare i ricordi del nostro viaggio spagnolo fino al bordo occidentale del continente, e delle emozioni vissute in quella meravigliosa cattedrale dalla facciata del colore dei fondali marini.

Baviera_30_19

L’entrata nella chiesa è a pagamento, ma la visita vale certo i 2,00€ richiesti. La navata è ampia, le volte sono altissime, ma è soprattutto l’altare principale in legno scolpito di Friedrich Herlin ad attirare l’attenzione, un vero gioiello di alta manifattura tedesca raffigurante l’Ultima Cena, nella quale il Giuda, seduto tradizionalmente dal lato opposto del tavolo rispetto agli altri apostoli, è una figura mobile che viene rimossa dalla scena nel periodo della Pasqua.

Baviera_30_20

Sul lato sinistro della navata centrale, di fianco alle panche di fondo, ci sorprende la presenza di una straordinaria scultura in legno d’ebano, scura e lucida, elegantissima, in perfetto stile africano, testimonianza della collaborazione di questa parrocchia con alcune missioni in Tanzania. In quella che somiglia a una sorta di imbarcazione primordiale sono rappresentati i 12 apostoli, con fattezze e tratti africani, in adorazione della Sacra Famiglia: un Giuseppe umile dallo sguardo rivolto verso il basso, una Maria essenziale, seduta con gli occhi chini su suo figlio, e un Bambino addormentato sulle ginocchia della madre, più innocente di chiunque altro al mondo. Mai ho visto tanta dignità e umiltà in una Sacra Famiglia, mai il Padre e la Madre mi sono parsi così immediatamente i genitori dell’Umanità china ai loro piedi rappresentata dagli Apostoli, uomini fatta quasi solo di occhi e sguardi, che li cercano come l’unica luce nel buio del mistero dell’esistenza.

Baviera_30_21

Ma il vero pezzo forte di questa chiesa si trova al piano superiore, in un grande spazio luminoso proprio dietro l’enorme organo, che è uno dei più grandi d’Europa. Qui è esposto l’Altare del Preziosissimo Sangue, uno straordinario altare in legno di tiglio scolpito dall’artista locale Tilman Riemenschneider ai primi del ‘500, che all’interno della Croce dorata racchiude una capsula di cristallo di rocca che contiene tre gocce del sangue di Cristo. Un’opera spettacolare e raffinatissima, con pannelli di legno incredibilmente cesellati nei quali figurano decine di statue ognuna con un volto, un’espressione, un’emozione, una posa, e in cui uno degli Apostoli, Paolo, indossa addirittura gli occhiali. Un vero capolavoro di scultura risalente a oltre 500 anni fa.

Baviera_30_22
Baviera_30_23

Dopo la visita alla chiesa giriamo ancora per le vie del paese e troviamo finalmente il negozio di Käthe Wohlfahrt, attaccato al Museo del Natale, con la sua insegna decorata di ghirlande rosse e luci, un gigantesco principe schiaccianoci sulla porta e il furgoncino dei doni parcheggiato fuori e pronto alla partenza: una vera meraviglia.

Baviera_30_24

Avevamo visto anche altri negozi di Natale, a Vienna, a Salisburgo, a Innsbruck, a Dublino, a Edimburgo… ma questo veramente li batte tutti. Non solo per la sua dimensione – enorme! – ma per l’atmosfera che c’è dentro, per le migliaia e migliaia di decorazioni di ogni genere esposte ai vari piani del locale in mobiletti di legno stile casa di Santa Claus, le bambole, i pupazzi, gli orsacchiotti, le slitte, i centrini, i calendari dell’Avvento, e le decine di alberi di Natale completamente addobbati di ninnoli di ogni tipo, da quelli super luccicanti a quelli di stoffa, da quelli più tipicamente tirolesi di paglia e rafia a quelli di latta dorata, e di vetro, di metallo, di legno, di piume… roba da far girare la testa a un appassionato del genere.

Baviera_30_25
Baviera_30_26

Troppe sono le cose viste e adorate in questo negozio, che in meno di due ore scala la classifica fino a diventare il mio preferito di sempre. Vorrei poter portare via di tutto… Ovviamente, la nota dolente di questi posti è che i prezzi non sono mai bassi, specialmente degli oggetti più belli, quindi ci dobbiamo limitare, però un piccolo cestino lo facciamo anche noi, da portare a casa come ricordo di questo luogo magico.

Baviera_30_27

Non lontano da Käthe Wohlfahrt c’è un altro negozio magnifico, quello degli orsetti originali Steiff, ed entriamo a fare un giro per ammirare dal vivo queste creature deliziose. Purtroppo, questa volta possiamo davvero solo guardare, non osiamo neppure sfiorare questi capolavori artigianali di peluche dagli occhi lucidi e dai musetti irresistibili che costano quanto piccoli gioielli, ma è comunque piacevole scoprire quante versioni e quanti modelli ne fanno.

Baviera_30_28

Un regalino ce lo facciamo, comunque. Vediamo delle casette di porcellana in un negozietto lungo la via centrale del paese, casette che in realtà sono lanterne per candele. Il negozio si chiama Leyk ed è una vera chicca nel suo genere. Le casette sono di ceramica dipinta a mano, prodotte in un laboratorio artigianale poco fuori Rothenburg e vendute solo in tre o quattro negozi in Germania, e riproducono gli edifici più famosi del centro storico, come la chiesa, il municipio, il forno, le case a graticcio a più piani e tutto quello che è tipico di questo paesino.

Baviera_30_29

Sono bellissime, con le finestrelle aperte attraverso le quali passa la luce morbida della candela, e a farne un gruppetto stile piccolo villaggio si ottiene un effetto davvero magico. Questo è il tipo di oggetto a cui non so proprio resistere, così ne prendiamo una, tanto per cominciare quella che spero potrà un giorno diventare una piccola collezione.

Baviera_30_30

Passeggiare per il paese con questa atmosfera è davvero come passeggiare in un luogo fatato. Le vetrine cariche di oggetti sembrano cornucopie natalizie traboccanti di colori e sapori: pagnotte di pane, dolciumi, ninnoli, cioccolato, pizzi, merletti, stelle, pupazzetti, boccali di birra dipinti in stile bavarese, davvero una gioia per gli occhi.

Baviera_30_31
Baviera_30_32

Il centro storico di sera risplende di tutta la sua bellezza, con le torri, le mura, gli edifici più antichi con i dettagli dei graticci illuminati, la fontana, e quell’atmosfera incantata che capita di sperimentare solo in quei luoghi che riescono magicamente a ritagliarsi uno spazio fuori dal tempo. Non c’era neve qui oggi, ma so che nei miei ricordi questo posto sarà sempre ricoperto da una soffice coltre candida.

Baviera_30_33

Dopo la passeggiata in centro rientriamo alla nostra Gasthaus, giusto in tempo per la cena. La sala è bella come il resto, con un fuoco scoppiettante che danza nel caminetto, le candele bianche accese sui tavoli e pochissima luce elettrica. Tutto l’arredo è di legno, caldo e intimo, il cibo è ottimo e presentato in maniera degna del posto. Il modo perfetto per concludere una delle giornate più piacevoli del nostro giro in Baviera.

Baviera_30_34

_____________________________________________________________

Domenica 29: Schloss Hohenschwangau e Schloss Neuschwanstein

26 gennaio, 2014 - in: Viaggi - Commenti: nessuno

Dopo una notte di quiete assoluta alla Pension Carina e una colazione a base di prosciutto, formaggio, salmone, yogurt, pane, marmellata e tè nero, carichiamo le nostre cose e usciamo alla ricerca della biglietteria dei castelli, per i quali ho già fatto la prenotazione da casa. La distanza è di circa 6 chilometri, il tempo è grigio ma non sembra che debba piovere. Tutto intorno si vedono solo montagne innevate stagliarsi contro un cielo ovattato, poco lontano un lago luccica nel gelo invernale. Cerco di seguire le indicazioni stradali e quelle del GPS insieme a Luca per essere sicuri di non sbagliare strada, quando ad un tratto alzo gli occhi e mi appare davanti come una visione magica: Neuschwanstein!

1_29

Bianco e turrito, elegantissimo, posato in cima a uno spuntone di roccia come un nido gigantesco, circondato da nuvole e nebbia: una visione così suggestiva da sembrare frutto della magia di Hollywood! Invece era solo il sogno del Re Pazzo, trasformato in realtà tra il 1869 e il 1886. Proseguiamo verso il parcheggio e li accanto vediamo subito dopo anche il castello di Hohenschwangau, il primo costruito cronologicamente parlando, che si alza sulla collina più a destra, molto più grande e tradizionale, con mura, merli, torri e bastioni. Però, e’ giallo. Completamente giallo, di una bella sfumatura color tuorlo, elegante in effetti, ma insolito, quanto meno. Mai visto un castello così giallo, prima. Beh.

2_29

Parcheggiamo (5€ per la giornata) e andiamo al Ticket Center a convertire le prenotazioni in biglietti. I gestori della pensione di ieri sera ci hanno dato un coupon di sconto per la visita dei castelli, e una ragazza alla biglietteria ci conferma che possiamo utilizzare anche quello. Lo Schloss Neuschwanstein è compreso nel Ticket Partner cumulativo fatto ieri, quindi non paghiamo nulla per entrare, mentre lo Schloss Hohenschwangau è privato, e’ ancora di proprietà degli eredi della ex famiglia reale dei Wittelsbach di Baviera, quindi bisogna pagare l’ingresso extra di 11,00€ a testa (con lo sconto). La prenotazione online costa 1,80€ a persona a castello, e probabilmente è indispensabile quando si viene qui in estate e ci sono code chilometriche con attese di ore, ma oggi l’afflusso di turisti è normale e si poteva benissimo farne a meno, risparmiando quei 7,20€. Pazienza, l’importante è essere qui.

3_29

Saliamo a piedi la salita che porta al primo castello, quello giallo di Hohenschwangau, non molto lunga ma ripida, fiancheggiata da bellissime case e hotel decorati in puro stile bavarese, e incrociamo anche la carrozzella con i cavalli di cui avevo letto nel sito, che ti porta su pagando un extra di circa 6,00€ a persona. Poveri cavalli, a fare tutta quella fatica con questo freddo, e comunque a noi piace camminare per vedere tutto quello che c’è intorno. Ce la prendiamo comoda visto che abbiamo più di un’ora prima del nostro turno, e torniamo fino alla macchina a cambiarci le scarpe per essere nelle condizioni ideali per questa visita. Dato che i visitatori dei castelli sono moltissimi (una media di 3000 persone al giorno con picchi di oltre 5000 in agosto!), le visite sono solo guidate, divise a gruppi linguistici e scandite da orari precisi assegnati dalla biglietteria. Non si può assolutamente entrare prima del proprio turno, e se si fa tardi anche di pochi minuti si perde il diritto alla visita, senza né a né ba. Organizzazione molto germanica!

4_29

Saliamo lentamente la via che porta al castello, ricostruito come residenza di caccia nel 1832-1836 da Maximilian, padre di Ludwig, sui resti di un antico castello medievale, che diventa sempre più grosso e imponente a mano a mano che ci avviciniamo. Torri, archi, merlature, mura, tutto ci viene incontro e ci accoglie con solennità regale.

5_29
6_29

All’interno delle mura di cinta scopriamo un giardino molto armonioso, non grande ma elegante, più romantico di quanto ci saremmo aspettati. Purtroppo non ci sono fiori, per via della stagione invernale, e tutte le famose fontane con le statue e i giochi d’acqua volute da Ludwig sono coperte da strutture di legno che le proteggono dal gelo notturno. Peccato perché pare che siano molto belle, specialmente quella detta dei Leoni, ispirata a quella dell’Alhambra andalusa. Si vede che è destino che non la vediamo, questa famosa fontana, visto che anche quando siamo andati fin là per ammirare quella originale, era chiusa al pubblico per un importante restauro.

7_29
8_29

Comunque, la cosa più spettacolare quassù è la vista, che si apre a libro sulla distesa della piana bavarese e sulle montagne tutte intorno, e soprattutto sullo Schloss Neuschwanstein, candido come zucchero, immerso nella nebbia del mattino che lo fa apparire e sparire ai nostri occhi come una visione d’incanto.

9_29

Facciamo un giro nello shop, anche per riscaldarci un po’ dopo la lunga passeggiata nell’aria fredda, e finalmente alle 11,40 tocca anche a noi entrare. La guida che ci accompagna è una ragazza italiana che ci spiega tutto della storia del castello e delle incredibili decorazioni che ricoprono completamente le pareti e i soffitti. Gli interni, dove è vietato scattare foto, sono belli, ma decisamente insoliti. Tutto è decorato in tema medievale, in ogni sala ci sono enormi affreschi che raffigurano episodi delle saghe cavalleresche germaniche più famose, con cavalieri in battaglia, eroi dai lunghi capelli, dame in tuniche color pastello e bionde trecce, cavalli, lance, calici e corone tepestate di pietre preziose. Sembra di camminare tra le pagine di un gigantesco libro di fiabe rimasto aperto. Le stanze della regina sono completamente ricoperte da scene raffiguranti dame coi sandali che reggono in mano ciuffi di rose e cavalieri dalla lucente armatura in ginocchio ai loro piedi. Ci sono oggetti originali appartenuti al nonno e poi al padre e alla madre di Ludwig, e la guida racconta che lui stesso passò tutte le sue estati di bambino e di ragazzo in questa dimora. Probabilmente fu qui che nacque in lui la passione per il medioevo e per le antiche saghe cavalleresche, che lo portò, da adulto, a progettare quella follia architettonica che è il castello candido che si trova qui di fronte. Nella sua stanza Ludwig aveva fatto mettere molti elementi originalissimi: un letto circondato da pareti affrescate con boschi, dee della notte e laghi luccicanti, un soffitto dipinto di stelle in cui faceva infilare dei bastoncini di cristalli liquidi che rilucevano di notte, in modo che, anche se dormiva in un interno, vedeva sopra di sé un cielo stellato come fosse all’aperto. Nello studio c’e’ un pianoforte scolpito in legno di cedro del libano fatto costruire apposta per Wagner, e sul quale il grande compositore, ospite al castello per due settimane, suonò e scrisse musica esclusivamente per Ludwig.
Ma la cosa che mi è piaciuta più non sono gli stravaganti lampadari di metallo di foggia medievale, gli enormi cigni di porcellana, o la poltrona imbottita dotata di ruote, poggiapiedi estraibile e leggio mobile sistemata in un piccolo bovindo con vista sul lago e sulle Alpi bavaresi. Ludwig, appassionato del passato e Cavaliere redivivo, nello studio teneva un moderno cannocchiale di ottone puntato verso la finestra, attraverso il quale controllava i lavori in corso nel cantiere di Neuschwanstein lì di fronte. Poteva spiare la materializzazione del suo sogno a mano a mano che prendeva forma davanti ai suoi occhi – non sono fortune che capitano spesso, queste.
Comunque, anche se il castello è interessante, la storia dei suoi abitanti è triste, e Ludwig non appare mai come qualcuno da invidiare. Colto e gentile, già re a 19 anni per l’improvvisa morte del padre ancora giovane, ha vissuto male il suo ruolo e il suo tempo, e non ha neppure potuto vedere il suo sogno completamente realizzato, poiché è morto prima che Neuschwanstein fosse completato.

10_29

All’uscita dalla visita, che dura circa 45 minuti, scendiamo verso i chioschetti per mangiare qualcosa, in attesa dell’orario pomeridiano che ci è stato assegnato per entrare nel secondo castello. Spazzoliamo un bratwurst con un bel caffè caldo, che ci rinfranca un po’ in quest’aria gelida, e poi risaliamo sull’altro sentiero insieme a gruppi di persone di varie nazionalità che si stanno facendo sempre più numerosi. Per raggiungere l’ingresso di Neuschwanstein si percorre un tratto abbastanza lungo e con molte curve che sale su in mezzo ai boschi, fino alla cima dell’altura che Ludwig considerò ideale per posarci sopra il suo giocattolo magico. Una macchina del tempo che in un attimo lo poteva portare in un passato lontanissimo, in un posto che finalmente gli piaceva e nel quale si sentiva a casa, fuori dal mondo reale. Funzionava allora e funziona ancora oggi, senza il minimo problema.

11_29

Non importa neppure entrare, in effetti. Basta arrivarci davanti e alzare lo sguardo, per sentire di essere già in un altro posto, e in un altro tempo. Torrette merlate, guglie, scalinate, file e file di finestre, altissimi bastioni candidi come neve e possenti come pareti di roccia, e quell’insolita facciata smerlata di mattoni rossi, all’ingresso, che subdolamente prefigura un qualche assurdo che si sta per manifestare.

12_2913_29

Ma mai, in nessun modo, nonostante la folla di gente che parla tutte le lingue e scatta migliaia di foto in attesa di entrare, il contatore dei numeri a orologeria davanti ai tornelli dell’ingresso, il doppio San Giorgio con lancia e stendardo bavarese dipinto sull’edificio interno del cortile, o la guglia più alta col tetto grigio che ispirò perfino Walt Disney per il suo castello più famoso – e lui era uno che di fiabe se ne intendeva…. – mai niente di quello che si vede da fuori, può preparare i visitatori a quello che troveranno all’interno.

14_2915_29

Un caleidoscopio di colori, un fuoco d’artificio della fantasia, un altro mondo. E’ come prendere la mano di Mary Poppins e saltare nel quadro – hopla’! – siamo dentro, e la realtà scompare magicamente per lasciare il posto al mondo dei cavalieri medievali. Lohengrin e il suo cigno, dappertutto, sui mobili, sui tessuti, sulle pareti, scolpito, dipinto, ricamato, inciso, vivo, cavaliere dal cuore purissimo, nobile destinato ad aiutare i più nobili grazie al suo animo senza macchia ma legato all’incantesimo del cigno che gli vieta di rivelare la sua vera origine, pena il ritorno solitario alla Fortezza del Santo Graal, una vera personificazione di Ludwig II. Parsifal, cavaliere della Tavola Rotonda, padre di Lohengrin, amico di Re Artù e considerato tra i cavalieri più valorosi, con il suo Santo Graal presente sulle pareti, sugli oggetti, in mille scene e colori. Ogni centimetro di ogni parete è decorato in qualche modo, non c’è un solo pezzettino libero da immagini simboliche, comprese la grotta e la magnifica Sala dei Cantori, ispirata direttamente dal Tannhäuser di Wagner. Un interno in cui pare di essere all’esterno, in mezzo a un modo gotico sorprendentemente vivo e reale. Incredibile anche la Sala del Trono per sfarzo, simbologia ed eleganza, dove però manca proprio l’elemento più importante: il trono. Ci stavano ancora lavorando quando Ludwig morì, e non venne mai completato. Sotto l’abside dominata dal Cristo, in cima alla scala ai cui lati sono raffigurati gli Apostoli e i Re francesi canonizzati, a significare la sacralità della linea monarchica, resta solo uno spazio vuoto. Simbolico anche questo, forse, della difficoltà di Ludwig II ad accettare e mettere in atto il suo compito di Re.
A parte la meraviglia che fa spalancare gli occhi in ogni sala, almeno tre cose si capiscono, a visitare questo castello fiabesco. Che Ludwig era raffinatissimo, molto colto, e sapeva cosa era la bellezza. Che era devoto all’arte, alla musica, e alle radici della sua missione di re germanico. E che doveva essere davvero un po’ fuori di testa….
Perché questo castello non è solo bello, o artistico. È proprio fiabesco. Basta entrare dentro e in un attimo ti porta via, fuori dalla realtà, in un mondo immaginario fatto di cavalieri ed eroi, antiche saghe e miti oscuri, leggende e simboli, dove tutto è controllato così esattamente e dettagliatamente che l’illusione che si crea è perfetta, immediata, e potente. Progettare un castello del genere e pensare di viverci dentro, significa vivere pericolosamente al limite dello squilibrio mentale. O in un mondo di sogno.

16_29

Alla fine della visita guidata (in inglese stavolta), usciamo dal castello e prendiamo il sentiero subito a sinistra che si inoltra tra i boschi e porta fino al Marienbrücke, il Ponte di Maria, teso su uno strapiombo in mezzo alle montagne, dal quale si ha una prospettiva visiva particolarmente buona sul castello. In effetti la strada è chiusa per via del ghiaccio, ma tutti scavalcano la barriera metallica e si inoltrano su per la via che porta al ponte, così ci avventuriamo anche noi, dopo esserci ritemprati con delle ottime pallette fritte, dolci e belle calde, prese a un banchetto lì vicino.

17_29

La strada è davvero scivolosa e diverse persone tornano indietro, ma noi riusciamo a percorrere in qualche modo tutto il tratto ghiacciato, raggiungendo un punto dal quale si gode di una vista perfetta sulle montagne e i laghi circostanti e sul magnifico complesso giallo dello Shloss Hohenschwangau lì di sotto. Uno spettacolo straordinario. Peccato solo che non ci sia più neve, sarebbe stato veramente un perfetto scenario da fiaba.

18_29

Dalla strada tagliamo su per il bosco e prendiamo una scorciatoia, un po’ faticosa ma fattibile, che si snoda in mezzo alle piante alte e spoglie, e finalmente arriviamo sul famoso ponte di Maria. Che merita senz’altro qualche piccolo scivolone, non c’è dubbio. La vista da qui è semplicemente spettacolare! Da un’altezza di 90 metri su uno strapiombo a picco su un ruscello che forma una cascata in fondo al bosco, il ponte si affaccia sul lato lungo dello Schloss Neuschwanstein mostrandolo in tutta la sua bellezza, con la piana bavarese alle spalle, i laghi ai lati, e le montagne tutte intorno. Una cartolina incantevole!

18b_29
Restiamo per un po’ a fare foto, al castello e a tutti quelli che ci chiedono di fargliene una per favore, e in effetti non si può pensare di arrivare fino qui, e ritrovarsi tutta questa meraviglia davanti agli occhi, e non farsi una foto ricordo da portare a casa…
La luce inizia a calare, l’aria è fredda, dobbiamo rifare tutta la strada all’indietro fino al parcheggio e cominciamo a sentire la stanchezza della lunga giornata, così, a malincuore, lasciamo lo spettacolo di questo sfondo da fiaba e riprendiamo la via del ritorno.

19_29

Saliamo in macchina e ci muoviamo ancora verso nord diretti a Nördlingen, dove arriviamo dopo quasi 2 ore. Il paesino e’ piccolo e delizioso, tutto fatto di casette dai tetti a punta, con la piazzetta, il corso principale, la chiesa e tutto, così perfetto che sembra uscito pari pari da un presepe. L’hotel di stasera, un NH, è molto bello e centralissimo, con un comodo parcheggio sotterraneo. Dopo esserci sistemati cerchiamo un posto dove mangiare qualcosa e troviamo un locale carino indicato dalla LP, il Cafè Radlos, dove ordiniamo la cena aiutati da una cameriera gentile, che non parla inglese ma si sforza di parlarci in italiano. E alla fine ci regaliamo anche una bella fetta di torta al cioccolato, per chiudere in dolcezza questa giornata da favola.

20_29

_____________________________________________________________

Sabato 28: Schloss Linderhof e Oberammergau

20 gennaio, 2014 - in: Viaggi - Commenti: nessuno

Sembra che ci siamo per davvero, stavolta: si parte per la Germania. Sveglia all’alba, valigie in macchina e via, verso nord. Preferisco pensare che stiamo andando in Baviera, ma insomma, si va. Ora che siamo partiti, sento che sono curiosa di visitare questa terra ancora sconosciuta, così vicina eppure così lontana dal mio orizzonte di viaggio. La mattinata è serena e pulita, la temperatura più alta del previsto, il traffico scarso. Arriviamo in Trentino senza problemi, e lì ritroviamo le più belle montagne del mondo che subito ci circondano e ci vengono incontro, come vecchi amici che aspettavano il nostro ritorno.

1

Acquistiamo la Vignette per l’Austria (8,50€), passiamo accanto a Innsbruck, distesa nella sua conchiglia ai piedi delle montagne, bella e diversa senza la neve che la ricopriva quando venimmo qui 2 anni fa, e neanche un’ora dopo oltrepassiamo il cartello che segnala il passaggio del confine. Siamo in Germania.
Procede tutto liscio fino alla nostra prima tappa di oggi, lo Schloss Linderhof, vicino al paese di Ettal, il primo dei molti castelli di Ludwig II di Baviera che abbiamo in programma di visitare. Per parcheggiare si passa davanti a un casottino con una macchinetta dove si inseriscono 2 euro e si riceve un tagliando da esporre sul cruscotto. Non c’è una sbarra e neppure un guardiano, per cui in teoria, se entri a diritto senza pagare, difficilmente qualcuno se ne accorge. Naturalmente, tutti pagano.
Alla biglietteria dello Schloss facciamo il Ticket Partner valido 14 giorni, che per 20,00€ a testa ci permetterà di visitare tutti i palazzi reali di Baviera gestiti dall’amministrazione pubblica, soluzione che avevo visto in internet e che ci conviene decisamente.
Il parco del castello è molto bello, lo si capisce anche adesso che è piuttosto spoglio, senza foglie e fiori ma ugualmente elegante, con la neve che lo imbianca delicatamente. Il sentiero sale e fa una piccola curva, e subito dopo appare un laghetto incastonato tra i boschi e la collinetta del Belvedere, così lucido che pare di cristallo. Sul bordo dell’acqua nuotano diverse anatre e due cigni bianchi, simbolo della casa reale di Baviera e noti per essere gli animali preferiti del padrone di casa Ludwig II, il Re Folle. È grazie a lui se ora siamo qui, a visitare uno dei suoi incredibili castelli di fiaba.

2

Qui Ludwig ha vissuto per circa 8 anni verso la fine della sua vita, terminata misteriosamente nelle acque di un lago non lontano da qui quando aveva solo 40 anni, ed era stato già interdetto come incapace di intendere e di volere. Il Re pazzo, cugino dell’imperatrice Sissi d’Austria, che era bellissimo ma anche timido e schivo, era re ma voleva vivere isolato dal mondo, un raffinato sognatore amante del settecento francese, della poesia e della musica di Wagner, che desiderava realizzare tutte le sue più folli fantasie artistiche e che invece doveva fare i conti con le casse dello Stato. Questa la realizzò, comunque, e ora si fa la fila per visitarla.

3

La visita è solo guidata, in inglese o in tedesco. Scegliamo l’inglese, e seguiamo con una decina di altre persone una ragazza molto gentile che ci spiega a grandi linee la storia del castello. Che è più una villa in effetti, o un castello in miniatura, completato nel 1879 in stile rococò e ispirato al Petit Trianon di Versailles appartenuto a Maria Antonietta. Se è molto più piccolo di quanto si pensi, il castello è anche molto più ricco di quanto si potrebbe mai immaginare. Le stanze visitabili sono si e no una dozzina, ma mai in nessun castello ci è capitato di vedere una tale concentrazione di decorazioni, stucchi, ori, porcellane, specchi, ritratti, drappeggi, marmi, broccati, e una tale ricchezza di dettagli preziosi, di particolari studiati con cura assoluta, di armonie cromatiche e formali così perfette da lasciare a bocca aperta. Salottini rosa, lilla, o argento con appesi alle pareti i ritratti dei maggiori protagonisti della corte di Versailles, il vero mito di Ludwig II, una sala del trono con un baldacchino dorato decorato da piume di struzzo, una stanza da letto di 100 metri quadrati con un letto di velluto blu sormontato dallo stemma reale bavarese e due consolle con immense specchiere arricchite da cascate straordinarie di fiori in porcellana Meissen, in mezzo alle quali si trova una finestra che si affaccia direttamente sulla scalinata d’acqua che abbellisce il parco esterno, e che viene attivata solo in estate. E poi, stupefacente, una sala da pranzo con un tavolo magico che veniva calato nella stanza di sotto attraverso il pavimento tramite un sistema a manovella, apparecchiato di stoviglie e cibi e fatto risalire su nella stanza del re, che in questo modo evitava di essere disturbato perfino dalla presenza dei camerieri che lo servivano. Ammiriamo una stupenda collezione di vasi di porcellana, un orologio con un meccanismo vecchio di 300 anni, un enorme lampadario in cristallo di Boemia che regge ben 108 candele e pesa 500 kg, chissà come luccicava quando erano tutte accese. E le meraviglie continuano. Soffitti e pareti completamente affrescati con scene mitologiche, statuette di marmo copie perfette di grandi opere del Louvre amate dal re, poltrone e divani di manifattura Gobelin originale, pavoni di porcellana a grandezza naturale, rarissimi tavolini in malachite dono di una zarina di Russia, un incredibile pianoforte verticale decorato all’inverosimile di stucchi dorati fatto costruire apposta per Wagner, che purtroppo non poté mai suonarlo, e il fantastico gioco di specchi dello studio, in cui due enormi specchiere dorate messe una di fronte all’altra moltiplicano all’infinito lo spazio e i decori della stanza, facendo apparire dal nulla una galleria di luce che sembra portare dritta in paradiso! Ma più stupefacente di tutto, un meraviglioso lampadario a bracci ricoperto di ciuffi di fiori e tralci, angeli e corone, tutto completamente scolpito nell’avorio più perfetto! Spettacolare! Mai visto niente di più raffinato ed elegante…un’opera d’arte davvero degna di un Re.
Certo, il risultato finale è decisamente carico, ma in qualche modo riesce e non essere pacchiano, solo straordinariamente sfarzoso. La dimensione ridotta degli ambienti e la quantità inusuale di oggetti eccezionali creano uno strano effetto di bellezza concentrata, dando veramente l’impressione di camminare in un regno miniaturizzato, o in una favola.
Forse un po’ folle lo era davvero Ludwig II, che dormiva di giorno e viveva di notte nella luce magica delle candele, ma di certo sapeva quello che voleva.
Peccato che fino a Marzo il resto degli edifici del parco restino chiusi e non si possano visitare, perché devono essere altrettanto fiabeschi, ma non avrei rinunciato all’atmosfera invernale di questo luogo per nulla al mondo.

4

Dopo il giro del castello, che dura una quarantina di minuti, mangiamo qualcosa veloce al chiosco sulla piazza della biglietteria e poi riprendiamo la macchina diretti verso la seconda tappa in programma per oggi, Oberammergau. Questo paesino di poco più di 5000 abitanti dista una dozzina di chilometri da Linderhof ed è famoso come il più bel paese della Baviera con le case dalle facciate dipinte. La tradizione di dipingere grandi scene di vario soggetto sulle facciate delle case c’è anche in Tirolo, la conosciamo ed è molto suggestiva, per cui siamo venuti a vedere se anche qui è bella come ce l’aspettiamo. Lo è.

5
6

Il paesino è veramente eccezionale, con le casette dal tetto a punta e i balconi di legno intagliato, e tutte le facciate completamente dipinte con scene religiose, di caccia, di fiaba, o con semplici decorazioni geometriche colorate. L’effetto è bellissimo, lo sarebbe già con 2 o 3 case così decorate, ma qui sono tutte dipinte: decine di metri quadrati di facciate su cui spuntano enormi angeli, Madonne, pastori, contadini, intagliatori di legno, lupi, conigli, uccelli, orsi, capre, fiori, nuvole…… sembra di camminare in un paese incantato.

7
8

Anche la chiesa è molto bella, semplice e piccola all’esterno, con un campanile dal tetto a cupola e un sorprendente interno ampio e luminoso, in stile barocco, tutto rosa e bianco e molto elegante. Qui si organizza l’evento più famoso del paese, la rappresentazione della Passione di Gesù, che si svolge ogni 10 anni e che coinvolge per mesi oltre 2000 dei 5000 abitanti del posto, un evento che attira qui migliaia di spettatori da tutto il mondo.

9

Le decorazioni e le luci natalizie moltiplicano l’effetto magico del posto, e i negozi completano alla perfezione l’atmosfera fiabesca. L’attività artigianale prevalente è la scultura del legno, una lavorazione tradizionale famosa e apprezzata in tutta la Germania, per cui in ogni vetrina si vedono centinaia di figure del presepe, animali di ogni genere, angeli, babbi natali, casette, castelli, madonne, bambinelli, stelle, fiori, alberi, cuori, suonatori, e soprattutto Crocifissi. Ci sono statue di tutte le dimensioni, da pochi centimetri a due metri, lavorate in maniera semplice o scolpite come vere opere d’arte, grezze o colorate, divertenti o più tradizionali, e tutte fantastiche. Non resistiamo, e facciamo anche noi qualche piccolo acquisto in uno di questi meravigliosi negozi.

10
11

E’ buio quando ripartiamo a malincuore da questo paesino di fiaba diretti all’hotel prenotato per stasera, ma di certo non dimenticheremo presto questo posto.

12

Facciamo gli ultimi 50 km di oggi per raggiungere Füssen, poco più a nord sulla Romantische Strasse. E’ buio sulla strada secondaria che percorriamo attraverso una zona fatta solo di boschi e rade abitazioni, la temperatura è ormai fissa sotto lo zero e la strada è ghiacciata e scivolosa come una saponetta. Per fortuna arriviamo senza problemi alla Pension Carina, una specie di locanda familiare molto confortevole, dove troviamo gestori gentilissimi e una bella stanza pulitissima e calda. Qui facciamo anche la nostra prima cena tedesca, e Luca si gusta un ottimo stinco alla birra in stile Flinstones con un osso così grosso che esce dal piatto. Hohenschwangau e Neuschwanstein, i due castelli più famosi fatti costruire da Ludwig II, sono ormai vicinissimi, e domattina dopo colazione andremo proprio lì a fare il nostro tanto atteso giro di visita.

13

_____________________________________________________________

Sabato 19 e domenica 20 maggio: Lisbona

26 maggio, 2013 - in: Viaggi - Commenti: 4

E alla fine ci siamo arrivati, là dove volevamo arrivare. Dopo un lento pellegrinaggio durato ben 8 giorni e oltre 1000 km, eccoci finalmente davanti a lei: Lisbona. La capitale-mito di questa terra antica e genuina, la città misteriosa e affascinante che era nei nostri sogni da sempre. Quella che farà da pietra di paragone per ogni bellezza appena ammirata, e per ogni altra già conosciuta altrove. Una capitale strettamente legata alla storia più antica del nostro continente che però se ne sta defilata sul bordo estremo d’Europa, come volontariamente appartata, voltata verso l’Oceano a dare le spalle a tutto il resto, a prendersi in faccia il vento di mare e scrutare fisso verso occidente. Perché chi stava qui lo sapeva, che laggiù c’era il resto del mondo da scoprire.
Gli dedichiamo due giorni, a questo luogo mitico, niente, in effetti, per un posto che non basterebbero due vite a conoscere, ma abbastanza per rimanerne stregati per sempre. Già l’arrivo è di quelli che non si dimenticano, attraverso il maestoso ponte di ferro XXV Aprile, immenso e rosso a cavallo dell’estuario del Tago. Un ponte che è il fratello minore del Golden Gate del Pacifico ma altrettanto bello, e anche lui a fare da porta d’ingresso a un Oceano smisurato.

1

Dal ponte rosso si accede a una città insolita, unica, e bellissima. Una città piena di storia e di fascino, affacciata sul mare, spazzata dal vento e dalle nuvole più grandi che abbiamo mai visto. Palazzi eleganti, piazze enormi e accoglienti, una stazione dai decori unici, tracce di fasti lontani che ancora mandano bagliori di fascino.

2

Tra le piazze più spettacolari, la Praça do Comércio, uno spazio di 170 metri per 170 circondato su tre lati da palazzi raffinati con splendidi porticati alla base, e con lo scenario immenso del Tago che si apre sul quarto lato. Al centro del lato opposto al fiume, un arco trionfale ottocentesco collega a un’altra piazza importante della città, il Rossio. In mezzo alla piazza si può ammirare un’imponente statua equestre in bronzo di Re Giuseppe I, monumento a uno dei grandi Re del Portogallo.

3
4

Anche a Lisbona ritroviamo le meravigliose pavimentazioni geometriche di pietre bianche e nere che decorano gli spazi immensi riservati a piazze e marciapiedi: cerchi, onde, fiori, greche, tralci. Uno spettacolo extra che si aggiunge gratuitamente a tutta la bellezza che circonda chiunque decida di fare una delle cose migliori che si possano fare qui: una tranquilla passeggiata in giro.

5

Una città fantastica e unica che, come non avevamo mai visto da nessun’altra parte, è divisa in due non in orizzontale ma in verticale, in cui la zona della Baixa affacciata sul Tago si contrappone al Bairro Alto, antico quartiere caratteristico arroccato in cima a una collina, dominato dalle nuvole e dal Fado. E per andare da una zona all’altra, basta prendere una vecchia funicolare che monta su ritta come quelle che scalano le vette alpine, oppure salire su uno di quegli sferraglianti tram gialli che si arrampicano su per le stradine contorte come enormi e lenti insetti, fatti di legno lucido e metallo scricchiolante, cavi dondolanti e campanelle allegre. Sali su e ti siedi, e il viaggio comincia.

6

E se poi i tram e le funicolari che risalgono le viuzze ripide fino al Bairro Alto non bastassero, in questa sorprendente capitale si trova anche un altro mezzo di trasporto assolutamente unico, l’Elevador de Santa Justa. Progettato da un architetto francese alla fine dell’ottocento per celebrare l’arrivo del nuovo millennio, è di fatto un vero e proprio ascensore che collega la Baixa col Bairro Alto coprendo un dislivello di oltre 30 metri. Dal design raffinato, tutto in ferro in stile vagamente neogotico, si innalza a fianco di un palazzo in una piccola via laterale, ed è una delle attrazioni preferite dai turisti. Perché non capita spesso di poter dire che per andare in una certa zona della città non si è preso un taxi, né un bus, o un tram o una metro, ma un ascensore. E uno bellissimo, poi.

7

Cuore storico, spirituale e artistico della città e monumento imperdibile per ogni persona che passi di qui, la Sé, posata in cima a una collina che si affaccia sul mare, è certo l’edificio più importante e rappresentativo di Lisbona. Una cattedrale-fortezza dall’aspetto potente e solido come un castello, con un enorme portale strombato sormontato da un bel rosone e affiancato da due torri gemelle ornate di merli. Cominciata nel 1150 per volere del re Alfonso I, ha subito diverse ricostruzioni a causa di danneggiamenti dovuti a guerre e terremoti che risultano in diverse sovrapposizioni stilistiche, dal romanico al barocco al manuelino, comunque mai fastidiose o disarmoniche.

8

La navata di questa Sè è degna di una vera cattedrale di capitale, immensa, profonda, dalle volte altissime sorrette da colonne di pietra possenti e riccamente decorate. La luce entra dalle finestre a ogiva dalle vetrate istoriate creando un’atmosfera di grande fascino.

9

Nel transetto, le tombe del re Alfonso I e della regina sua moglie, e sarcofagi medievali scolpiti come vere opere d’arte. Ma mentre il re riposa da antico guerriero, con la sua spada tra le mani, la regina se ne sta distesa con la testa appoggiata a un cuscino vestita di tutto punto, coi gioielli e la corona e tutto, e tiene tra le mani un libro di preghiere che è intenta a leggere devotamente, mentre i suoi fedeli cani sono distesi ai suoi piedi a farle compagnia per l’eternità. Magari il marmo sarà un materiale più nobile e sfarzoso, ma la pietra – non c’è nulla di più bello della pietra, per dare materia e colore a una tomba.

10

Non lontano dalla magnifica Sé si trova la chiesa di Sant’Antonio, il Santo di Lisbona diventato poi famoso come Antonio da Padova e venerato in tutto il mondo come uno dei Dottori della Chiesa Cattolica. Antonio non poteva non avere un luogo sacro a lui dedicato nella sua città natale, proprio nel sito dove pare si trovasse la sua casa di famiglia. E’ una bella chiesa barocca, dalla facciata elegante, con una piccola piazzetta davanti dove è stata sistemata una statua in bronzo del Santo che, secondo l’iconografia più classica, porta in braccio il Bambino. Ci si potrebbe trovare in una qualunque piccola piazza del nord Italia, se non fosse per il blu sfacciato dell’Oceano disteso a poche decine di metri dalla chiesa, e per le enormi nuvole candide che si rincorrono nel cielo infinito.

11

Posata sul bordo estremo dell’Oceano, terra di esploratori e naviganti, Lisbona non poteva non rendere omaggio ai suoi tanti eroi leggendari partiti da queste sponde a bordo delle loro caravelle con le croci templari dipinte sulle vele, pronti ad affrontare l’ignoto con coraggio smisurato e a sfidare l’orizzonte per aprire vie nuove verso l’Africa, l’America del sud, le Indie, e le acque e le terre mai conosciute prima. Così, per celebrare i 500 anni dalla morte di Enrico il Navigatore, che abbiamo visto riposare nel bellissimo monastero di Batalha, hanno costruito un monumento che è un’enorme caravella di pietra, e hanno pensato di metterlo proprio sulle rive del Tago, lì dove le sue acque dolci si mescolano con quelle salate del mare.

12

E’ un monumento sorprendente, e bellissimo. Una vela di pietra gonfia di vento pronta a salpare per nuove terre, enorme, possente, e leggera. Ai suoi lati, due file discendenti di uomini si accalcano verso la prua curiosi, attenti, pronti a qualunque avventura. Sono navigatori, eroi, re, poeti, i migliori uomini del Portogallo che hanno contribuito a fare la grande storia di questa terra posata al confine con l’ignoto.

13

Sul pavimento dello spiazzo che accoglie il Monumento alle Scoperte, una enorme rosa dei venti e una mappa ricordano i viaggi degli antichi navigatori. Nel cielo, nuvole immense corrono verso l’Oceano, spinte dallo stesso vento che 500 anni fa gonfiava le vele delle caravelle portoghesi verso nuovi mondi.

14

Poco più avanti sul lungofiume spazioso, sorge un’altra testimonianza dell’orgoglio portoghese per i suoi esploratori, la magnifica Torre di Belèm, voluta dal re Giovanni II per commemorare l’apertura della rotta per le Indie da parte di Vasco de Gama e per proteggere la foce del Tago.

15

Costruita agli inizi del 1500, è un’impressionante torre quadrata alta circa 30 metri, possente, un bastione in pietra a più piani decorato da torrette, colonnine, merli e finestre in stile tipicamente manuelino, elegante e solitaria, strano faro senza luce posato sul bordo estremo dell’acqua.

16

Non lontano dalla Torre di Belèm facciamo un’altra scoperta straordinaria, in questa città che celebra ovunque i suoi famosi navigatori, il Monasteiro dos Jeronimos. Costruito sulla pianta della piccola chiesa nella quale Vasco de Gama e i suoi marinai pregarono prima di cominciare il loro avventuroso viaggio verso l’India, è diventato uno dei gioielli di Lisbona, un edificio inconfondibile progettato nel più evoluto stile manuelino, che oltre al monastero comprende la chiesa, il chiostro, la sacrestia e il refettorio.

17

Se il monastero è bello, il chiostro è assolutamente meraviglioso, e certamente il più bello che abbiamo visto fin qui tra quelli costruiti in questo particolarissimo stile portoghese ricco di rilievi, riccioli, tortiglioni, foglie e figure inquietanti. Strutturato su due livelli ornati di diverse serie di archi, colonne e guglie, è un pizzo di pietra che racchiude un quadrato di pace assoluta. Un’oasi di silenzio e armonia, una doppia galleria ombrosa che apre i suoi archi dolci sulla luce prepotente del cielo spazzato da un vento che profuma di mare.

18

Tra gli spazi più belli c’è decisamente il Refettorio, completamente rivestito di spettacolari Azulejos floreali dai toni azzurri e gialli di un’eleganza rinascimentale. E sotto il loggiato silenzioso, sacro nel sacro, la sepoltura di Vasco de Gama, l’eroe, e il semplice cippo che è la tomba di Fernando Pessoa, anima di questo paese e coscienza artistica di questa terra di uomini avventurosi che hanno i sogni già scritti nel DNA.

19

La chiesa del Monastero è all’altezza del resto del complesso, e una delle più belle che abbiamo visto in tutto il Portogallo. Costruita in stile gotico manuelino, ha tre navate ampie tracciate da colonne altissime scolpite in maniera spettacolare, con una volta a nervature intrecciate che rende la pietra elegante come un pizzo e leggera come una ragnatela.

20

Dal livello superiore del chiostro si ha accesso a una balconata interna che si affaccia sulla navata centrale della Chiesa, dalla quale si può godere di uno spettacolo privilegiato sulla straordinaria architettura di questo edificio incluso dall’Unesco tra i tesori Patrimonio dell’Umanità. Questo sito è anche Panteon, in quanto include le tombe di vari re e regine portoghesi compreso quel Manuele I che diede il nome a questo insolito stile decorativo. Un gioiello sorprendente che da solo vale il viaggio in questa affascinante capitale.

21

Una città che regala arte e bellezza ad ogni angolo, che è musica e storia, ed è soprattutto poesia nella figura onnipresente del suo rappresentante più significativo, il grande autore Fernando Pessoa oggi come in passato seduto al suo tavolo del Cafè a Brasileira, nel vivace quartiere del Chiado.

22

Una capitale magica, Lisbona, grande, aperta, arrampicata sulla costa ultima dell’Oceano, divisa su due livelli quasi fosse impossibile tollerare tutta la sua bellezza in una volta sola, quasi fosse un peccato imperdonabile non regalare ai suoi visitatori certi indimenticabili Miradouros belli da lasciare senza parole.

23

Il tempo è poco ma la personalità di questa città è potente, e lascia una traccia indelebile in noi. Le piazze enormi e vive, i castelli e le chiese, le funicolari con i loro assurdi dislivelli, i navigatori celebrati ovunque, i ponti, il fiume immenso, la pietra, le nuvole, la musica, le parole – Alfama, Bairro, Chiado, Baixa, Rossio, Miradouro, elevador – che suonano dolci come un Fado. E l’aria, la luce, l’Oceano. Qui è la radice della Saudade, ed è questo strano sentimento che ci rimane appiccicato addosso quando ripartiamo, la nostalgia di questa città magnifica e la voglia di tornarci presto.

24

_____________________________________________________________

Venerdì 18 maggio: Cabo da Roca – Cascais – Estoril – Evora

17 febbraio, 2013 - in: Viaggi - Commenti: 2

Sintra ci è piaciuta molto, ma dobbiamo lasciare il nostro appartamentino di prima mattina per cominciare la nostra ultima giornata di visite prima di raggiungere la capitale, Lisbona. Acquistiamo dei biscotti tipici a una pasticceria sulla piazza principale, per portare via con noi un dolce ricordo di questa cittadina, e ci rimettiamo in auto, destinazione Cabo da Roca.

1

Cabo da Roca non è un paese vero e proprio ma un promontorio roccioso che si affaccia a strapiombo sull’Oceano Atlantico, famoso non solo per la sua bellezza naturale ma perché e’ il punto più a ovest d’Europa. Come dire che quando disegni la cartina dell’Europa, questo e’ il punto che più di tutti si protende verso occidente. Oltre queste rocce c’è solo acqua, tutta l’immensa striscia blu dell’Oceano che divide il nostro continente dall’America. Un ennesimo Finis Terrae di quelli che piacciono a me, che abbiamo già tracciato anche in Irlanda, in Spagna e in Francia, solo che questo è quello vero, proprio il più sporgente di tutti, la vera punta della freccia che indica la via verso il Nuovo Mondo.

2

A segnalare il Cabo c’è un bel faro, come in molti posti del genere, una costruzione larga e bassa con una torretta in pietra sormontata da una grossa lanterna di metallo rosso. E’ semplice, ma suggestiva e affascinante come solo i fari sanno essere; colorati, solitari, vigili, strane sentinelle perpetuamente intente a lanciare il loro messaggio rovesciato – attenzione naviganti, qui finisce il mare, e comincia la terra.

2b

Non c’è molto nella zona del Cabo oltre al faro, solo una specie di obelisco di pietra con una croce in cima, e un grande prato fiorito che si getta nello strapiombo della falesia, alta più di 100 metri. Null’altro. Ma questo luogo e’ preso regolarmente d’assalto dai numerosissimi gruppi di turisti che si trovano a passare da queste parti, perché è bellissima da vedere, questa immensa distesa d’acqua che dilaga a perdita d’occhio davanti a te, e pensare che, anche se sembra impossibile, invece a un certo punto finisce, e arrivi in America.

3

Insomma, se ti affacci di qui e guardi bene, laggiù in fondo in fondo puoi vedere New York. Nei giorni senza foschia, come dice Luca.

4

Volendo, all’ufficio del turismo del Cabo ti rilasciano anche un certificato che attesta che ci sei stato, nel punto più occidentale del continente europeo, ci hai messo i piedi, e più di lì non potevi andare. Ma devi pagarlo la bellezza di 5,20€, oppure 10,00€ se lo vuoi in versione un po’ più fighetta. Ci e’ sembrata una trappola troppo palesemente turistica, così abbiamo lasciato perdere,decidendo che le nostre foto saranno una prova più che sufficiente a testimoniare l’evento.

5
6

Falesia a parte, è veramente bellissimo il mare, qui. E’ quello che la gente viene a vedere fin quaggiù, l’Oceano – senza fine, disteso davanti a questo estremo lembo di terra che punta a ovest, ritaglio irregolare di puzzle che si incastra perfettamente nel continente liquido. Non si può andare oltre, da qui, se non con lo sguardo. O con il coraggio folle dei grandi navigatori portoghesi che si lasciarono questa terra alle spalle portando il loro sogno e la loro lingua in tutto il Sudamerica. Una meraviglia rara. Ce ne andiamo prima che arrivino i bus carichi di turisti vocianti, per conservare nel nostro ricordo l’atmosfera magica di silenzio e solitudine che questo luogo ci ha regalato.

8

Da Cabo de Roca ci dirigiamo direttamente a Cascais, famosa località balneare poco fuori Lisbona tra le preferite dei portoghesi come meta di vacanze estive. E’ una cittadina molto piccola ma affascinante, con un porticciolo sul mare e un famoso mercato del pesce che si anima ogni mattina al rientro dei pescherecci locali.

9

Caratteristici della cittadina sono alcuni edifici eleganti e una piazza con la tipica pavimentazione a motivi geometrici bianchi e neri, che regala l’impressione di camminare dentro a un gigantesco disegno a china.

10

Visitiamo anche la chiesa, dall’architettura semplice ,ma che offre allo sguardo metri e metri di bellissimi Azulejos a tema religioso che decorano le pareti e l’altare. C’è un pellegrino che conosciamo, nel giardinetto davanti al sagrato, uno di quelli che nei suoi innumerevoli viaggi sarà certamente arrivato anche qui.

11

La zona più bella è comunque quella del porto, con le mura degli antichi bastioni, i giardini, la passeggiata a mare, e il faro di Santa Marta a righe bianche e azzurre (chissà perché sono quasi sempre a righe, i fari). In un piccolo slargo proprio lungo il molo ci colpisce la vista di un’insolita statua in bronzo: è un comandante in divisa, fisicamente ben piazzato, dallo sguardo immobile, che fissa l’Oceano di fronte a sé dalla sua postazione di vedetta sul ponte di una nave invisibile. Un inatteso Drogo in versione marinara che scruta perennemente l’orizzonte, aspettando chissà quali invasori.

12
13

E’ una cittadina piccola e semplice Cascais, ma di grande fascino, quello un po’ scolorito dei posti che hanno visto tempi migliori, ma che neanche il passare inesorabile del tempo riesce a rovinare del tutto. Un luogo che vale una piccola sosta.

14

Circa 3 km oltre Cascais troviamo Estoril, dove paghiamo la ragguardevole cifra di 0,60€ per parcheggiare la nostra auto nella piazza principale di questa nota località balneare. Più che nota, Estoril è stata fino a qualche anno fa una cittadina decisamente rinomata, meta mondana di VIP e rifugio di molte famiglie reali europee, una specie di Montecarlo in versione portoghese dove trovare alberghi di lusso con giardini di palme e campi da golf, spiagge attrezzate, musica fino a notte fonda e un famoso Casinò aperto giorno e notte. Ma soprattutto, qui si teneva ogni anno un evento che attirava moltissimi visitatori, la tappa portoghese del Gran Premio di Formula 1.

15

Oggi le cose sono un po’ cambiate, il Gran Premio non si corre più, buona parte della vita notturna si è trasferita a Lisbona, e il Casinò apre solo dopo le 15,00. Quel che resta è un paesino posato davanti all’Oceano affascinante come un villaggio di fiabe, con il suo castello, la spiaggia, un lungo molo di legno, e un mare cristallino che per la prima volta non somiglia neppure lontanamente all’Atlantico immenso e grigio visto fin qui.

16

Tra il Casinò e l’Oceano, la scelta è semplice. Attraversiamo la piazza e la via del lungomare cercando l’accesso alla spiaggia, e poco dopo scopriamo qualcosa di inaspettato. Lungo la costa, esattamente tra la spiaggia e la strada, corre la ferrovia. Passa proprio in mezzo, parallela a entrambe, e di fatto taglia via la spiaggia dal resto del paese. L’unico modo per raggiungere l’area attrezzata è attraversare la stazione. Si deve camminare per un pezzo lungo la pensilina del binario 1 e scendere la scala del sottopassaggio come se si dovesse partire, invece poi, proprio all’ultimo, si va dritti invece di voltare verso il binario 2, si sale una breve scaletta e si sbuca direttamente sulla spiaggia. Il profumo intenso del salmastro arriva già sotto il tunnel, dove i viaggiatori con borse e valige si mescolano ai bagnanti in ciabatte che vanno agli ombrelloni con l’asciugamano a spalla. Alla fine, è tutto solo una questione di destinazione.

17

La spiaggia è bellissima, lunga e bianca, con sabbia fine e rocce lisciate da secoli di carezze atlantiche. Un mare trasparente con riflessi turchesi e radi ombrelloni di palme completano il quadro da angolo di paradiso tropicale. Per la prima volta so che farei il bagno in questo Oceano senza la minima paura. Se non fosse per il cielo di quell’azzurro inconfondibile dove immense nuvole bianche si inseguono come lenzuola impazzite, potrebbe sembrare una tipica località di vacanza esotica.

18

Facciamo con piacere una passeggiata per il paese, lindo e ordinato come un presepe di lusso, ma quando risaliamo in auto sentiamo che non avremo poi troppa nostalgia di questa cartolina elegante. Un luogo decisamente più adatto ad annoiati re e regine in esilio che a vagabondi curiosi come noi.

19

Recuperiamo l’auto e lasciamo Estoril, direzione Evora. Un’altra delle mete speciali di questo viaggio, dalla quale ci aspettiamo molto. La raggiungiamo all’ora di pranzo, dopo un lungo tratto di autostrada, e ci sistemiamo alla Pension Policarpo, affascinante b&b di grande atmosfera, semplice ma con un bell’arredamento tradizionale, che ha almeno due grandi vantaggi, la posizione centrale e il parcheggio riservato gratuito. La giornata si è fatta calda e luminosa, le case imbiancate a calce e decorate da fregi color ocra sono coperte di fiori, e si stagliano nitide contro l’azzurro intenso del cielo. Ad un tratto il paesaggio si è fatto mediterraneo.

20

Ci sistemiamo e usciamo a cercare qualcosa da mangiare, fa così caldo che decidiamo per un piccolo chiosco all’aperto dove mangiamo ottimi panini seduti sotto a un ombrellone, completando lo spuntino con i dolcetti acquistati questa mattina a Sintra. Siamo accanto ad un bel giardino, con aiuole, prati e panchine, ma l’elemento che ci colpisce di più è una strana fontana sistemata proprio in fondo alla terrazza panoramica, con una vasca triangolare al cui centro due buffe figure stilizzate che sembrano appena uscite da un fumetto si scambiano un bacio di marmo senza fine.

21
21b

Fin da subito, Evora ci appare per quello che è: una bellissima città-museo circondata dall’originaria cinta muraria le cui tracce risalgono indietro fino ai Romani, un luogo pieno di fascino e di storia, e decisamente una delle radici più antiche della nazione portoghese. Le stradine acciottolate si incrociano tra salite e scalinate, ordinate e silenziose, abbellite qua e là da azulejos fioriti e piccoli balconi di ferro battuto lavorato a mano. Imponenti e misteriosi, spiccano sulla piazza i resti del tempio di Diana, con le 14 colonne corinzie ancora in piedi dal II secolo AC, anno della sua costruzione avvenuta sotto il regno di Cesare Augusto. Un testimone che non ti aspetti, messo lì in mezzo alle case bianche, così classico e mediterraneo, lontanissimo e familiare a un tempo.

22

Tra le visite da non perdere c’è certamente la Cattedrale gotica, una costruzione in pietra risalente al XIII secolo che è a tutt’oggi la cattedrale cattolica più grande di tutto il Portogallo. Costruita in stile misto romanico e gotico, colpisce immediatamente per la sua imponenza e per l’aspetto di chiesa-fortezza tipico del periodo, con il grande portale a ogiva fiancheggiato dalle statue dei 12 Apostoli e due alte torri laterali a fare da sentinelle all’ingresso dei fedeli.

23

Il biglietto d’ingresso costa 3,50€ e permette l’accesso al chiostro interno e alla torre,che porta al tetto. Il chiostro è molto bello nella sua semplicità, con un camminamento perimetrale elegante, soffitti a volte e colonne sottili che uniscono archi aperti verso un giardino che è quello tipico dei chiostri, ritaglio silenzioso dal caos del mondo esterno.

24

L’interno della cattedrale di Santa Maria Assunta è molto interessante, con una navata ampia e lunga dal classico soffitto altissimo, delicate colonne in pietra, decorazioni sofisticate sugli altari, e una insolita statua lignea policroma di una Madonna del parto con la mano posata sul ventre rotondo che è venerata in tutta la regione per la sua fama di elargitrice di grazie alle donne che desiderano un figlio.

25

Ma anche più bello dell’interno è il panorama che si gode dalla cima della Sè, una volta scalata la chiocciola della Torre che porta proprio sul tetto della cattedrale-fortezza. Uno spettacolo straordinario di spazi aperti verso l’infinito, tra torrette, cuspidi, comignoli, vele campanarie ed elementi decorativi gotici, con un panorama che dilaga a perdita d’occhio su tutta la regione dell’Alentejo, di cui questa magnifica città è il capoluogo.

26

Verso l’esterno, lo spazio infinito e libero di un’intera regione e tutto il cielo del Portogallo, abbellito da batuffoli di nuvole sospese così perfette da sembrare finte. Verso l’interno, la conchiglia chiusa del chiostro, la pace, il silenzio, il raccoglimento, il mondo dello spirito ritagliato via dal reale dalle mura protettive della chiesa-fortezza. Tutti e due bellissimi. Ma più bello di tutto è stare quassù in cima al tetto, sopra a tutto, e poter vedere questo e quello, e non essere obbligati a stare dentro a nessuno dei due.

27

Dopo la Sè visitiamo un’altra chiesa famosa di Evora, quella di San Francesco, a lato della quale c’è una cappella nota per una lugubre caratteristica: la Capela dos Ossos. Questa cappella francescana del XVI secolo è molto conosciuta per le sue decorazioni inquietanti che furono realizzate utilizzando proprio ossa umane. Avevo visto qualcosa del genere a Roma molti anni fa, nella cripta dei cappuccini di Santa Maria Immacolata a Via Veneto, dove le cappelle sono più piccole e più numerose e le decorazioni molto più artistiche, ma l’effetto è più o meno lo stesso. Anche qui, le pareti, le colonne, le volte, le finestre, ogni porzione della cappella è ricoperta da ossa e teschi umani appartenuti ai frati francescani che vivevano nella zona, un materiale ricavato da un totale di oltre 5000 persone. Il risultato finale e’ decisamente macabro, ma l’intento dei frati che ebbero questa idea non era di spaventare o far inorridire i visitatori, bensì quello di farli riflettere sulla precarietà della vita, sull’inutilità della vanità e sul tempo che ci è concesso su questa terra, tanto più prezioso quanto più si è consapevoli della sua brevità. Sulla porta un’iscrizione dice: “noi ossa che siamo qui aspettiamo le vostre”. Non molto allegro, in effetti. Comunque, visitare questa insolita cappella non mi lascia tanto sgomenta quanto pensare a come si saranno sentiti quei frati che la realizzarono, chiusi lì per giorni e notti a selezionare ossa da montagne di scheletri di loro confratelli scavati dai cimiteri locali, e scegliere come e dove sistemarli in questa macabra decorazione muraria.

28

Solo all’uscita della Capela dos Ossos mi accorgo che, purtroppo, in un qualche momento di questa giornata di visita per chiostri e chiese, deve essersi sfilato uno dei miei orecchini di Thun con le coccinelle, e si è perso. Sono molto dispiaciuta di questo fatto, non per il suo valore intrinseco ma perché era un regalo da parte di persone che amo molto e che mi amano molto, e per me era un oggetto speciale. Potrei averlo perso sui tetti della Se’, perché ogni tanto, quando eravamo lassù, ho passato agli altri la mia macchina fotografica per farmi fare una foto, e forse nel togliermi il laccio dal collo l’orecchino si e’ sfilato, ma è solo un’ipotesi. Abbiamo fatto così tanti passi da stamani, non è facile indovinare dove possa essere caduto. Continuiamo il nostro giro guardando per terra mentre camminiamo per le stradine già percorse e per i giardini, nella vaga speranza di poterlo notare da qualche parte, ma sappiamo che le probabilità di ritrovarlo sono quasi inesistenti. Il mio morale è visibilmente a terra, tanto che poco dopo, in un negozio di artigianato locale, i nostri amici mi regalano un nuovo paio di bellissimi orecchini in argento e sughero con dei piccoli pendenti a forma di farfalla, facendomi luccicare di nuovo gli occhi di gioia. Non importa che i regali siano preziosi, quando lo è chi te li fa.

29

Non possiamo completare la visita a questa meravigliosa cittadina medievale senza arrivare alla sua Università, la seconda più antica del Portogallo dopo quella di Coimbra. La sede attuale è ancora nel palazzo originario del 1559, Il Collegio dello Spirito Santo, un bellissimo edificio con un cortile interno circondato sui lati da un loggiato a due livelli incredibilmente elegante, delimitato da archi e colonne. Per visitare l’interno ci mescoliamo agli studenti provenienti da tutto il mondo, indaffarati dietro ai loro zaini pieni di libri e sogni, e l’ambiente che scopriamo è interessante e vivace. Naturalmente, anche qui non mancano intere pareti decorate di Azulejos di un blu intenso, preziose testimoni di un antico passato culturale che continuano a ispirare chi viene qui a studiare come costruire il futuro.

30

Nel nostro lungo giro della città arriviamo fino ai suoi bordi estremi dove si può ancora vedere un tratto dell’antico acquedotto romano detto del Sertorio, lungo oltre 4 chilometri. L’espansione del piccolo borgo ha portato all’incontro tra questa magnifica infrastruttura antica e la periferia abitata, permettendoci così di assistere ad un fenomeno insolito. Nel suo dilagare verso l’esterno, il quartiere ha sfiorato, e poi raggiunto, e quindi inglobato l’antico acquedotto, facendolo diventare parte integrante dell’area abitata;. Il risultato è alquanto bizzarro: mura e finestre costruite sotto le arcate, archi accecati utilizzati come pareti divisorie, entrate di negozi che si aprono direttamente sotto le volte, e case intonacate a calce addossate direttamente ai piloni dell’acquedotto romano, in una sorta di invasione barbarica allegra e informale che ha integrato passato e presente senza alcuna difficoltà, con uno straordinario impatto estetico finale.

31

Ceniamo in un locale del centro e dopo un’ultima passeggiata me ne vado a letto contenta per la visita a questa antica città, certo una delle mie preferite fino a questo momento, e rattristata solo per il mio orecchino perduto, rimasto da qualche sotto la pioggia battente di questa notte. Un pezzetto di me che lascio per sempre in questo luogo bellissimo.
Ci penso ancora la mattina dopo, non riesco a rassegnarmi all’idea di aver perso un oggetto così speciale, sento che è là fuori che vuole essere ritrovato e che devo fare almeno un ultimo tentativo prima di ripartire. Così lascio che gli altri sbrighino le formalità del check out e del carico dei bagagli per fare di nuovo una corsa fino alla Sè, dove credo di averlo perso. Visto che l’ingresso è a pagamento, spiego in qualche modo la situazione alla signora della biglietteria chiedendo se per caso le è stato recapitato un orecchino smarrito uguale a quello che tengo in mano, ma lei non ne sa nulla. Però è gentilissima e mi invita senza che neppure glielo chieda ad entrare nella chiesa a cercare. Percorro la navata con gli occhi a terra, ma so che le probabilità di trovarlo qui sono poche, sento che l’ho perso all’aperto, sul tetto, ma non oso chiedere che mi facciano andare fino su senza pagare. Un signore seduto accanto al bancone della biglietteria mi vede tornare mestamente dalla mia missione di ricerca e mi chiede più dettagli su quello che è successo, così gli spiego il giro che abbiamo fatto ieri e la mia sensazione di averlo perso sul tetto, in cima alla torre, dove non penso di poter salire. Invece lui dice: su? allora vai a vedere! Ma non ho il biglietto… Vai vai, corri! E mentre lo dice, sorride. Non riesco a credere alla gentilezza e alla cortesia di queste persone, alla semplicità con cui riescono a distinguere un dovere da un favore. Salgo la scala a chiocciola della torre come un fulmine, so che ho poco tempo e poche speranze, gli altri mi aspettano e non voglio che perdano tempo per colpa mia, ma voglio ripartire sapendo di non aver lasciato nulla di intentato. Il tetto è grande e chissà dove può essere caduto, ammesso che lo abbia perso proprio quassù come sono assurdamente certa che sia accaduto. Ignoro le uniche altre due persone presenti sul tetto ad ammirare il panorama e comincio a cercare in giro scannerizzando il suolo con lo sguardo, col respiro affannato per le scale fatte di corsa e la sensazione di avere troppo poco tempo a disposizione. Ma non me ne serve molto. Fatti pochi passi verso una torretta, mi pare di vedere da lontano qualcosa di arancione per terra, un piccolo oggetto colorato che spicca sul grigio delle pietre umide. Mi fermo, non è possibile. Sarà qualcos’altro, un foglietto di caramella o uno scherzo della mia miopia, non può essere proprio il mio orecchino. In pochi passi sono lì, e solo quando lo tocco e lo raccolgo nella mano chiudendolo stretto nel pugno mi rendo che è vero – l’ho ritrovato! L’ho cercato più per disperazione che per convinzione, sono salita quassù solo per dire che ci avevo guardato, solo per seguire una sensazione, un richiamo istintivo che nulla aveva a che fare con la mia razionalità ma che mi avrebbe permesso di andare via da qui più serena, e invece l’ho trovato davvero! L’incredulità è così forte che mi travolge come un’onda improvvisa e mi metto a ridere da sola, continuando a stringere nella mano la mia coccinella arancione come se temessi di vederla volare via. Scendo la scala della torre di corsa ripetendomi che è incredibile, e in un attimo sono di nuovo al banco della biglietteria, dove il signore che mi ha lasciata salire su mi vede arrivare di corsa con la mano stretta davanti a me, felicissima: incredibile, guardi! l’ho trovato! l’ho trovato! Apro la mano solo nel momento in cui arrivo davanti a lui, per mostrargli il risultato miracoloso della mia follia e della sua gentilezza unite insieme, e lui ha un reazione che mi lascia di stucco. Si mette a ridere e a parlarmi in portoghese, sembra perfino più contento di me, tocca l’orecchino dicendo qualcosa che deve essere di congratulazioni, poi mi racchiude le mani nelle sue e le bacia, felicissimo. Non avrebbe potuto condividere più sinceramente la sua gioia per questo piccolo miracolo. Mi commuove che lui sia così contento solo perché vede che io lo sono. Lo ringrazio mille volte, lui e l’altra signora, e poi scappo via, verso Luca e gli altri che mi aspettano, col mio tesoro stretto nella mano. Quando la riapro, vedo riflesso sui loro volti lo stupore che deve essere stato il mio nel momento esatto in cui ho raccolto la coccinella dal tetto. Da questo momento, Evora per noi è definitivamente magica. Dopo tutto Lisbona, a pochi chilometri da qui, è la città d’origine di Sant’Antonio, che è il protettore degli oggetti smarriti, e la nostra amica è proprio di Padova, la città del Santo. Coincidenze, certo. Che però ci fanno ripartire più allegri verso la capitale di questa terra bellissima.

32

_____________________________________________________________