Info



Categorie

Clara

"Non è vero che il mondo è piccolo. Non è neppure vero che è un 'villaggio globale', come pretendono i mass media. Il mondo è grande e diverso. Per questo è bello: perché è grande e diverso, ed è impossibile conoscerlo tutto." Antonio Tabucchi

“Yesterday is History. Tomorrow is a Mystery. But today is a gift. That is why it is called the "Present." Master Oogway

“Se i tempi non richiedono la tua parte migliore, inventa altri tempi.” Baolian, libro II

“O guardi o giochi”. Gould

“Ma così è la vita: se incontri un essere umano nella folla, seguilo... seguilo.” Benjanim Malaussène

“Non voglio nessuno, sulla mia lancia, che non abbia paura della Balena”. Achab

I never blame failure -- there are too many complicated situations in life -- but I am absolutely merciless toward lack of effort. F. Scott Fitzgerald

Stay hungry, stay foolish. Steve Jobs

Archivi

Tag Cloud

Free Tibet

Io sono MiaSally su

Cerca nel sito

Links:

Commenti

Sabato 4 gennaio: Scholss Herrenchiemsee – Casa

Ultima colazione al nostro Motel One, purtroppo. Un po’ mi dispiace partire, devo dire che la città mi è piaciuta e avrei voluto vedere altre cose e viverla un po’ di più. In effetti Monaco non è grandissima, non tanto da diventare invivibile, e allo stesso tempo non è un centro troppo piccolo da esser tagliato fuori da eventi culturali e modernità. In un certo senso somiglia a certe città del Tirolo, con le loro architetture particolari e quello stile genuino da vita di montagna, ma con un tocco in più di cosmopolitismo che la rende interessante senza essere snob. Di certo qui non sono esosi come a Vienna, dove sono geneticamente imperiali……
Non so se si possa definire una città tipicamente tedesca, gli stessi tedeschi lo negano perché nel sud si vive in modo diverso dal resto del Paese, ma è questo che la rende familiare e accogliente per noi italiani. In fondo, se Monaco per molti tedeschi è al sud, per noi è comunque al nord, e ne ha tutte le caratteristiche. Efficienza, pulizia, organizzazione, servizi, solo che sono forniti in maniera più vivace di quanto forse non accada nel loro nord. Comunque, mi è sembrata una bella città, accogliente e vivibile. Un posto dove ritornare.

4.1

L’ultimo castello che visitiamo, situato a circa 90 km a sud di Monaco, è lo Schloss Herrenchiemsee (ultima occasione per sfruttare il nostro ticket Partner), che è forse la follia più grande di Ludwig II per sfarzosità e costo, tanto che non fu mai completato per mancanza di fondi e ancora oggi ha oltre 50 stanze da finire. Si trova a Prien, una tranquilla località nota per il bel lago Chiemsee. Nel lago ci sono alcune isole, e su una di esse, la Herren Insel, l’isola degli Uomini, così chiamata per via della presenza di un convento di monaci agostiniani (un’altra delle isole si chiama Fraueninsel, isola delle donne, sulla quale si trova un convento di monache benedettine) c’è un palazzo molto elegante circondato di giardini e fontane: lo Schloss Herrenchiemsee. Lasciamo l’auto nel parcheggio a pagamento e ci avviamo alla biglietteria dei battelli.

4.2

Il passaggio fino all’isola di Herren costa 7,20€ a persona A/R e il battello impiega circa un quarto d’ora per raggiungere la riva opposta, navigando su acque immobili e lucide come specchi, tra boschi e montagne, in mezzo a una natura silenziosa e possente che sembra quella Romantica per antonomasia rimasta intatta dall’Ottocento.

4.3

Una volta sbarcati, percorriamo un lungo sentiero che si snoda nel bosco, tra alberi scuri e rigidi come scheletri e tappeti di foglie rosse, e alla fine della passeggiata cominciamo a intravedere una sagoma chiara, dalla forma inconfondibile.

4.4

Il castello è veramente bellissimo, con una facciata in pietra lunga un centinaio di metri, tre ordini di finestre di grande eleganza e grandiose fontane lungo il viale d’ingresso decorate da Nettuni, tritoni e delfini di bronzo, che purtroppo sono vuote e spente per via del clima invernale. Sembra un luna-park dopo la fine della festa. Però c’è un bel silenzio. Dalla cima del viale si apre una vista straordinaria che arriva fino giù al lago, diverse centinaia di metri più a valle.

4.5

Visto che l’ingresso è a orario fisso con visita guidata obbligatoria (e niente foto), abbiamo tempo di fermarci al self service a mangiare qualcosa e allo shop a prendere qualche cartolina prima di cominciare il giro. La cosa più incredibile è che questo palazzo è praticamente una copia ridotta della reggia di Versailles, il palazzo del Re Sole Luigi XIV di Francia, del quale Ludwig era un grande ammiratore. Qui, infatti, non sono presenti gli stemmi reali di Baviera né i ritratti dei Wittelsbach, e neppure il ritratto dello stesso Ludwig. Ci sono solo ritratti del Re Sole e di altri grandi imperatori francesi, affreschi che celebrano grandi battaglie vinte dall’esercito francese e riproduzioni esatte di oggetti presenti alla reggia di Versailles: statue di marmo, scrittoi favolosamente cesellati, tappezzerie coi gigli dorati, ritratti di nobili dame e cavalieri della corte di Francia, e sfarzosissime camere da letto reali identiche a quelle originali. La raffinatezza dei dettagli raggiunge livelli straordinari in ogni stanza. In una camera scopriamo una lampada a globo di vetro di Murano blu nella quale si potevano accendere 3 candele per ottenere una luce argentata che somigliava al chiarore lunare, tanto caro all’ombroso Ludwig. Vicino a questa stanza troviamo una vasca rotonda che può contenere 60.000 litri d’acqua, praticamente una piscina privata. Ci sono lampadari di cristallo di Boemia e lampadari in porcellana Meissen stracolmi di fiori colorati che sono veri capolavori d’arte. C’è anche qui un tavolo magico, come a Neuschwanstein, che sparisce nel pavimento e torna su apparecchiato e colmo di cibi, e un cabinet dove venivano conservati gli abiti del re decorato come una sala del trono. Ma il pezzo forte è la galleria degli specchi, nella quale Ludwig ha voluto proprio esagerare progettandola addirittura più lunga di quella originale di Versailles: 98 metri! Oltre alle meravigliose specchiere e ai fregi dorati, lungo il salone ci sono ben 44 lampadari di cristallo che reggevano un totale di 2200 candele. Che spettacolo doveva essere, quando erano tutte accese e moltiplicate all’infinito dalle decine di specchi della galleria! Una vera atmosfera da fiaba…..
Un intero mondo è stato ricostruito alla perfezione nello stile architettonico tipico di almeno un secolo prima, per far rivivere l’epoca fastosa di un regno grandioso e di un Re vissuto solo di eccessi. Fa uno strano effetto, a dire la verità. Sostituire la propria realtà con un altro mondo, e un altro tempo. A un costo altissimo, e quasi inutilmente. Ludwig, infatti, passò qui solo un paio di settimane della sua vita, e non vide mai il castello finito perché fu interdetto e imprigionato per aver trascurato il suo dovere di re e aver dilapidato tutti i soldi delle casse dello stato.
Nel palazzo c’è anche il Ludwig Museum, dove sono conservati oggetti personali, mobili, progetti dei vari castelli e teatri e ritratti fotografici del Re, comprese le foto con la fidanzata Sofia che non sposò mai, di sua cugina Sissi, dei suoi genitori, e di Wagner, del quale era un fervente ammiratore.

4.6
4.7
4.8

C’è il suo abitino di battesimo, un mantello reale color porpora, un statua in abiti da Re Sole, un busto di marmo, e perfino la sua maschera funebre, che conserva il mistero della sua morte al di là di quello della sua vita inconsueta.

4.9

Davvero un personaggio controverso questo Re, amato e odiato, ammirato e deriso come un povero pazzo, e che in una ventina d’anni di regno ha segnato profondamente la storia della Baviera diventando un vero mito della sua terra. Comunque lo si giudichi, le persone che ancora oggi arrivano fin quassù da ogni paese del mondo vengono soprattutto per ammirare i sogni folli e fiabeschi di Ludwig II.

4.10

Riprendiamo il battello che scivola sulle acque argentate circondate da montagne salutando anche l’ultimo castello, e ci rimettiamo in auto per raggiungere i nostri amici che ci aspettano a Padova. Nella tristezza della fine della vacanza, almeno questa è una cosa buona. Arrivederci Baviera, alla prossima volta.

4.11

10 luglio, 2014 in Viaggi. Commenti: nessuno

Scrivi un commento





*