Info



Categorie

Clara

"Non è vero che il mondo è piccolo. Non è neppure vero che è un 'villaggio globale', come pretendono i mass media. Il mondo è grande e diverso. Per questo è bello: perché è grande e diverso, ed è impossibile conoscerlo tutto." Antonio Tabucchi

“Yesterday is History. Tomorrow is a Mystery. But today is a gift. That is why it is called the "Present." Master Oogway

“Se i tempi non richiedono la tua parte migliore, inventa altri tempi.” Baolian, libro II

“O guardi o giochi”. Gould

“Ma così è la vita: se incontri un essere umano nella folla, seguilo... seguilo.” Benjanim Malaussène

“Non voglio nessuno, sulla mia lancia, che non abbia paura della Balena”. Achab

I never blame failure -- there are too many complicated situations in life -- but I am absolutely merciless toward lack of effort. F. Scott Fitzgerald

Stay hungry, stay foolish. Steve Jobs

Archivi

Tag Cloud

Free Tibet

Io sono MiaSally su

Cerca nel sito

Links:

Commenti

Martedì 31: Dinkelsbühl e Monaco di Baviera

Stamani il cielo è bianco e fa molto freddo, ma prima di uscire ci conforta un’ottima colazione alla nostra locanda in una saletta che somiglia a una baita di montagna, con addobbi natalizi, fiori, candele accese e porcellane candide, una gioia per gli occhi. Il buffet è sia salato che dolce, con qualche torta ma soprattutto pane con burro artigianale, marmellate fatte in casa, yogurt, cereali e succo. Tutto delizioso.

31 1

A un tavolo vicino al nostro siedono dei francesi di mezza età che parlano con una coppia di italiani seduta lì accanto, e la ragazza specifica che abita vicino a Siena. Allora il signore francese comincia a fare grandi elogi dell’Italia e della Toscana in particolare, e ad elencare una serie di città che ha visitato e che gli sono molto piaciute, in particolare Siena, Firenze, e poi Lucca, che proprio gli piace tanto, e Pisa… a quel punto non resisto e gli faccio un cenno: eccoci! Noi siamo di Pisa! Passiamo subito a uno scambio di saluti e presentazioni a 6, e ci raccontiamo i nostri itinerari tedeschi. A tutti Rothenburg e’ piaciuta moltissimo, e quando la ragazza italiana chiede “ma voi siete riusciti a non comprare nulla?” scoppiamo a ridere. Qui? Scherzi?! Dopo il check out salutiamo e torniamo al parcheggio fuori le mura a recuperare la macchina, mentre il termometro segna -2. Questa volta ci muoviamo in direzione sud, verso Dinkelsbühl, un altro paesino lungo la Strada Romantica. Ci arriviamo poco prima di mezzogiorno, e parcheggiamo proprio nel centro storico.

31 2

Il rilevatore in macchina segna ancora -1 quando scendiamo a fare un giro per il borgo di casette col tetto a punta, che, a differenza di quelle già viste, qui sono tutte colorate. Non bianche coi graticci marroni, ma dipinte a colori pastello, rosa, giallo, verdino, celeste, rosso, ocra, arancio…. tutte una differente dall’altra, con le tendine di pizzo alle finestre e i decori di Natale sulle porte.

31 3
31 4

Il paese ha una cinta muraria ancora ben conservata che comprende molte torri di avvistamento in perfette condizioni, tanto che alcune sono ancora abitate. Mentre percorriamo la passeggiata lungo le mura, dalla salita ci viene incontro una bici guidata da un ragazzo robusto che pedala ansimante indossando pantaloni tecnici, un giubbotto nero e giallo, guanti e una fascia di lana in testa. La bici ha una specie di grosso cesto nero, dietro. Appena ci passa davanti, comprendiamo: è il postino! Consegna la posta pedalando nel gelo invernale, in salita e in discesa, sole o neve che sia, portando le sue lettere nel cesto dietro al sellino. Mi domando che stipendio riceva, per questo lavoro.

31 5

Visitiamo il centro storico e la chiesa gotica di San Georg, fredda come un igloo, altissima, e con un bell’altare laterale del ‘500 con un San Sebastiano dipinto.

31 6
31 7
31 8

La cosa più bella però è il Presepe, che non solo è enorme, ma mette in scena praticamente l’Antico Testamento, con il paradiso degli animali, la Cacciata con l’Angelo e Adamo ed Eva, e poi Maria da giovane, l’Annunciazione, la natività nella stalla con angeli e pastori, la Fuga in Egitto, e il Tempio con l’Hanukkah.

31 9

Il tutto è fatto di bellissime statuette di legno intagliate sistemate in mezzo a riproduzioni giganti delle casette a graticcio del paese, alte almeno un metro e compete di luci, alberi, montagne e musica natalizia. Un presepe originalissimo, un’opera di alto artigianato molto bella e tipica che tutti vengono a vedere.

31 10
31 11

Il paese è veramente carino, con le mura, le torri, le porte d’ingresso e le case colorate. Pare che di sera, col buio, sia ancora più incantevole, e non è difficile immaginarlo.

31 12

Uscire dalla chiesa e ritrovarsi nelle antiche vie fa uno strano effetto. Per un attimo, è come sentirsi di colpo rimpiccioliti, a passeggio tra le casette di legno del Presepe appena ammirate.

31 13
31 14

Dopo un giro di circa un’ora ripartiamo, finalmente in direzione Monaco. Sono circa 220 km di strada, la maggior parte autostrada, ma anche se andiamo a sud e il cielo si apre, la temperatura resta ostinatamente sotto lo zero anche nel primo pomeriggio. Troviamo l’hotel facilmente e sistemiamo la macchina nel parking sotterraneo, al sicuro e al riparo dal gelo notturno. La stanza che ci danno è al quarto piano, molto confortevole anche se non enorme. Sistemiamo le nostre cose e usciamo per andare a visitare un po’ il centro, che è a sole 5 fermate di metro da noi. Camminiamo dalla stazione centrale a Marienplatz e subito notiamo che c’è molto movimento, e tantissimi italiani in giro. L’atmosfera è bella e luccicante, c’è gente a passeggio e tutti i palazzi sono decorati di stelle e luci.

31 15

Visitiamo 3 diverse chiese, tutte con la messa in corso e tutte piene di gente. La più interessante è anche la preferita dei tedeschi locali, la Frauen Kirche, con le due torri laterali  dal tetto a cipolla. Da fuori è imponente ma dentro è molto sobria, quasi spoglia, e non particolarmente accogliente. C’è addirittura un cardinale che dice messa, ma oggi è davvero una giornata speciale e i fedeli sono qui per ricevere la benedizione di fine anno. La Sankt Peters Kirche invece è molto bella, è la chiesa più antica di Monaco, di origini gotiche ma piena di barocco, con dipinti, colonne, altari affrescati, pulpiti scolpiti, e due grandi alberi di Natale pieni di luci che si allargano fino all’altare principale. C’è un organo che suona, con una piccola orchestra di musicisti e un coro, e ad un certo punto, mentre aspettiamo la fine della funzione per poter fare un giro di visita, succede qualcosa di inaspettato. Lentamente si spengono tutte le luci intorno, restano accese solo le lucine degli alberi di Natale e dell’altare, e il coro dei fedeli comincia a cantare una dolce Stille Nacht. Un momento molto suggestivo e intenso, un modo commovente di salutare questo anno che sta finendo.

31 16

L’ultima chiesa che vediamo è la St. Michael, ancora diversa dalle altre due. Questa è elegantissima, rinascimentale, a navata unica con un soffitto dalla volta a botte di larghezza notevolissima e senza pilastri centrali di sostegno, davvero spettacolare. Anche qui c’è la messa e c’è molta gente, non si può andare in giro liberamente, ma in ogni caso quello che volevamo vedere a quest’ora è chiuso. Nella cripta di questa chiesa, infatti, c’è la tomba di Ludwig II di Baviera, il re folle dei castelli fiabeschi visitati nei giorni scorsi, e se troveremo un momento torneremo certo a fargli visita.
Ma la cosa più bella della città vecchia è, ovviamente, la Neues Rathaus, l’imponente  palazzo del Municipio con la sua spettacolare facciata in stile neogotico dalle mille guglie arricchita dalla Glockenspiel, la torre dell’orologio sormontata da uno dei carillon più grandi del mondo, che si innalza al centro di Marienplatz. Splendida. Il buio nasconde in parte i suoi ricchissimi dettagli, ma l’impatto è decisamente impressionante.

31 16b

Il vecchio Municipio si erge, bianco e semplice con il classico tetto rosso a punta, sul lato destro di Marienplatz, in direzione del Viktualienmarkt. La sua torre e l’edificio adiacente risalgono al 1200 e conservano ancora gli elementi architettonici originali, insieme a momenti di storia della città e del paese difficili da dimenticare. Fu in queste sale, nel novembre del 1938, che i nazisti proclamarono l’inizio della Notte dei Cristalli, causa di centinaia di morti e deportazioni, e di gravi devastazioni a negozi e abitazioni di proprietà della comunità ebraica. Qui, sotto queste volte dove adesso si trova l’innocua e nostalgica sede del Museo dei Giocattoli, risuonarono le voci più terribili della storia tedesca in una delle notti più cupe e buie che l’Europa si sia trovata a dover superare.

31 18

Ormai è sera, fa molto freddo e cominciamo ad avere fame, così dopo un ultimo giro della piazza affollata di gente che si prepara a festeggiare l’ultima notte del 2013, andiamo a cena al famoso Augustiner, uno dei locali più antichi della città, fondato addirittura nel ‘300. Dentro fa caldo e c’è una folla, ma quasi miracolosamente il cameriere ci trova un tavolo nel salone grande, e finalmente ci sediamo. C’è movimento ma l’atmosfera è bella, con un gran via vai di persone che vanno e vengono salutandosi in tutte le lingue. Mangiamo bene nonostante questa non sia proprio la serata ideale per una cena senza prenotazione, e ci gustiamo anche un’ottima fetta di torta al cioccolato, per chiudere l’anno in dolcezza.

31 19

Quando usciamo la folla in giro per le vie del centro se possibile è ancora aumentata, e fa molto freddo. Mancano sempre un paio d’ore alla mezzanotte e siamo stanchi, quindi decidiamo di tornare al nostro hotel e di vedere lo spettacolo dei fuochi d’artificio dalla finestra, restandocene tranquilli al caldo. Saranno bellissimi lo stesso, ne siamo certi. E speriamo che lo sarà per tutti anche questo nuovo 2014 che sta arrivando. Auguri.

31 20

6 marzo, 2014 in Viaggi. Commenti: nessuno

Scrivi un commento





*